Calcagno Carlo Alberto: ad Arenzano il 22/08/63.
Manifesta fin dalla tenera età uno spiccato interesse per la parola.
L'amore per la letteratura col tempo diviene anche una professione: conseguita la laurea in giurisprudenza presso l'Ateneo genovese, si dedica per undici anni all'insegnamento delle materie umanistiche in un liceo classico.
Attualmente esercita la professione di Avvocato in Savona ma non rinuncia alla sua consolazione più grande: la poesia.



Con Carta e Penna ha pubblicato:

LA MIA BOTTIGLIA

Copertina libro
Carlo Alberto Calcagno vive ad Arenzano dove è nato il 22 agosto 1963 e svolge l'attività forense in qualità di avvocato in Liguria. Fin dai primi anni di vita manifesta un interesse spiccato per i libri e la letteratura. A soli diciotto anni vince in campo poetico il suo primo premio letterario internazionale (Premio Internazionale "Antenna Blu Microfono d'Oro" di Genova). Nel 1990 due sue liriche ("Preghiamo insieme" e "S'accende") vengono incise da Giorgio Strehler (per l'ascolto v. il sito www.italiangallery.net) . È curatore dal 2003 di brevi saggi di storia della letteratura per una rivista letteraria a diffusione nazionale (www.ilsalottodegliautori.it) edita dall'Associazione Carta e Penna da cui è stato anche premiato come miglior articolista. Il 25 novembre 2005 la sua pièce "L'Eremita" è entrata come finalista nella sezione dedicata alla drammaturgia del Premio "Elsa Morante" di Roma. 
 
Questa sua prima silloge poetica raccoglie liriche composte tra il 1997 ed il 2005 e, per volontà dell'autore, tutti i proventi ricavati dalla distribuzione del libro saranno destinati all' Associazione Prader Willi, malattia genetica rara che colpisce un nato ogni 15.000 causando ipotonia, appetito insaziabile, obesità, ritardo mentale, ritardo funzionale, bassa statura negli adulti e problemi comportamentali, legati alla mancanza del senso di sazietà. Questo è uno dei problemi maggiori: il paziente, essendo privo del senso di sazietà, a causa di un'anomalia nel centro che controlla questo stimolo nel cervello, ha un appetito inestinguibile; allo stesso tempo la malattia causa una disfunzione nel metabolismo che riduce notevolmente la capacità dell'organismo di bruciare le calorie assunte. La diagnosi precoce è di primaria importanza in quanto dà la possibilità di intervenire con farmaci e cure affinché, sin dai primi mesi, si possa migliorare la qualità della vita del bimbo e della famiglia. 

UN GIARDINO PERFETTO

Copertina libro

Carlo Alberto Calcagno è nato ad Arenzano nel 1963 ed ha iniziato a fare poesia da giovanissimo. Dopo aver praticato l’insegnamento al liceo classico ha intrapreso la via dell’avvocatura e oggi si occupa prevalentemente di mediazione, ma il suo grande amore è da sempre la letteratura.
Autore de Il Salotto degli Autori da molti anni, nel 2005 ha pubblicato con Carta e Penna la sua prima raccolta La mia bottiglia ed oggi ritorna all’origine con questa silloge. Emozioni, immagini recuperate, proiezioni che vanno oltre il recinto di quel giardino meraviglioso che è la vita, sussulti improvvisi, rugiadose attese di scalpitii affettivi e di sogni... concorrono e si rincorrono nello shaker mentale di Carlo Alberto Calcagno, raggiungendo l’acme grazie a una scrittura essenziale, mordace e semplice. In tal modo la poesia supera l’epidermide di un attimo e di un intrecciarsi di voli che si avvicinano alle stelle, all’incandescente concerto di sensazioni d’amore frizzanti che dissetano l’anima aprendosi alla bellezza della vita...

LA CONDIZIONE DEGLI EBREI DAI CESARI AI SAVOIA

Copertina libro
La condizione degli Ebrei nei millenni ha messo duramente in crisi il concetto stesso di diritto naturale, quelle guarentigie minime che gli antichi ritenevano presenti presso tutte le genti, e ciò perché ci furono forse ben pochi popoli che nella storia ne subirono così fortemente il disconoscimento.
“I paria delle Indie, gli schiavi dell’Oriente e di Roma, gli Iloti di Sparta (che erano privi dei diritti civili e politici e potevano essere uccisi impunemente) sono i tipi soli che possiamo qui mentovare onde farci un’idea del modo in cui vivevano gli Ebrei fra le nazioni cristiane; formando casta a parte da chi potevano aspettare protezione e giustizia? dalle loro universalità? Dalle nazioni che li ricettavano nel loro territorio e li ritenevano in condizione affatto precaria? Con ragione disse il Forti che il mancar di fede degli Ebrei non parve ai principi cosa riprovevole, il mancare ai medesimi di umanità non parve ai popoli contrario alla legge di Dio”.
Lo stesso Mosè del resto aveva anticipato agli Israeliti un particolare destino: “Il Signore vi disperderà fra i popoli e non resterete che un piccolo numero fra le nazioni dove il Signore vi condurrà”.
Il Corano nella VII sura (Al-A‘râf) rievoca con queste parole un triste percorso:
“167. E il tuo Signore annunciò che avrebbe inviato contro di loro qualcuno che li avrebbe duramente castigati fino al Giorno della Resurrezione! In verità il tuo Signore è sollecito nel castigo, ma è anche perdonatore, misericordioso”
“168. Li dividemmo sulla terra in comunità diverse. Tra loro ci sono genti del bene e altre [che non lo sono]. Li mettemmo alla prova con prosperità ed avversità, affinché ritornassero [sulla retta via]”.
Nel breve saggio che seguirà ove cercheremo di descrivere somma-riamente le loro traversie, useremo diversi vocaboli per indicare gli appartenenti al popolo di Abramo.
Avvertiamo però che a rigore i vocaboli non sono del tutto fungibili.
Secondo una prima interpretazione, infatti, il termine Eber o Heber venne dato dai Cananei ad Abramo perché giungeva dalla Caldea che si trova al di là del fiume Eufrate.
Secondo gli Orientali invece la parola Ebreo deriverebbe da Heber figlio di Sale e trisavolo di Abramo.
Il lemma Israeliti indica i discendenti di Israel ovvero Giacobbe, nato da Isacco figlio di Abramo.
La parola Israel significa in ebraico “che prevale o che domina con Dio”; un angelo soprannominò così Giacobbe dopo che ebbe compiuto una lotta durante una visione a Macanàim ribattezzata da lui Penuél.
Gli Ebrei amano in particolare chiamarsi israeliti perché è un termine che si ritrova nelle Sacre scritture.
Il termine Israele talvolta indica tutto il popolo, talaltra la sola discendenza di Giacobbe e ancora il regno di Israele e delle dieci tribù distinte dal regno di Giuda (che ricomprendeva appunto la tribù di Giuda e di Beniamino).
Con il vocabolo Giudei si fa riferimento poi a coloro che fecero ritorno a Gerusalemme dalla cattività babilonese: dal momento che non esisteva più il regno di Israele, gli Ebrei assunsero il nome dell’unico regno ancora in piedi che era appunto quello di Giuda.

LA CONFESSIONE - DRAMMA IN QUATTRO ATTI

Copertina libro

ATTO PRIMO

Scena unica

In una semplice chiesetta della campagna francese nei pressi dell’abbazia di Cluny.
All’apertura della scena un confessionale molto semplice di legno scuro, all’interno del quale si trova un confessore.
Un uomo dall’apparente età di quaranta anni entra da destra a passo lento nella navata; si ferma e si inginocchia sulla trave consumata e scricchiolante del confessionale.
Inizia con una benedizione una lunga confessione.

Un confessore
In nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo... fratello quanto è che non ti confessi?
Un uomo
Sono circa undici mesi, padre
Un confessore
E cosa ricordi?
Un uomo
Ci sono tante cose che non mi va di ricordare... cose che poi si ripetono nel tempo con una monotonia ed una precisione davvero sconvolgenti
Un confessore
Apri il tuo cuore senza timore... Dio ti ascolta
Un uomo
Il fatto è che vorrei subito l’assoluzione...
Un confessore
Perché tanta fretta?
Un uomo
Perché? perché sento un irrefrenabile desiderio di uccidermi e non voglio perdere altro tempo... poi è così frustrante continuare a confessare in fondo… di essere me stesso
Un confessore
Il tuo desiderio mi rattrista... ma ringrazio Dio che ha scelto me per poter ricevere la tua confessione
Un uomo
Padre io... io vorrei l’assoluzione...
Un confessore
Con questi presupposti non credo di potertela concedere
Un uomo
Il motivo?
Un confessore
In primo luogo perché il peccato per cui la desideri non lo hai ancora commesso e secondariamente...



Per i lettori di Carta e Penna ha scelto:

STUPORE

Come un ladro
stringo
i tuoi occhi
imbevuti di silenzio
dentro ai miei
e l'eros oscilla
tra bellezza
e verità.

ALMENO TU

Almeno tu
possiedi il litorale
ed il picchiettio
della pioggia.
Io soltanto
questo respiro
raggomitolato nella tiepida assenza

L'ORIZZONTE

Spalanco
l'orizzonte
se mi chiedi
di confrontarti
con il cielo.

UN SOGNO FINITO

La melodia
si è spezzata
ed il pifferaio
non è più magico
o forse tu
non sei mai stata 
un topo
ma solo una passante
distratta da un attimo
di nostalgia.
A dire il vero
i topi 
sono tutti morti
come vuole la fiaba
e pure l'esecutore
li ha seguiti
ipnotizzato
dal suo inganno.
Tu cammini
lontana 
nella città
ormai deserta
e la natura
compone sola per te
note infinite.

AMORE MIO

Se questa tastiera 
si tramutasse 
in una bacchetta magica, 
tu saresti oro 
amore mio 
e le mie parole 
vile metallo 
che un alchimista 
potrebbe trasfigurare.
Ma un sogno 
chiude 
i miei occhi ed anche i tuoi, 
il buio comune 
dura un istante e vola via 
verso una luce 
che non posso contenere, 
né fissare troppo a lungo… 
arriva al cervello 
il suo profumo 
dalle radici increspate 
della tua anima.
Vorrei baciarle 
fino all'apice 
per mordere
il fascino… 
più facile 
sarebbe contare uno ad uno 
i tuoi capelli 
che mi attirano da lontano: 
tendere una mano 
è lo scopo
di ogni giorno 
in cerca di te.
Sei bosco magico 
che ride 
del mio cavallo imbizzarrito 
e smarrito, 
sei radura insidiosa 
dai verdi brillanti, 
di muschio bagnato e compatto 
che mi circonda a dismisura, 
sei il movimento della luna 
che ondeggia lenta 
tra le stagioni, 
sei il mare 
che è sempre azzurro 
quando si screzia di blu, 
sei un mi bemolle 
che si allunga all'infinito 
sul distorsore della vita, 
sei la felicità 
del sole 
che invita 
l'alba 
a cambiare colore, 
sei l'alba 
che cattura 
ed invita 
a sperare 
in un nuovo sole, 
sei il mio passo 
che si fa 
più frettoloso 
per attenderti ancora, 
sei la gioia 
di ogni frase 
che mi accende, 
arpeggio e melodia,
sei un angelo
adorabile 
che brucia le ali 
in un filtro,
tra le tue labbra
come vorrei 
essere
quel filtro,
sei la fronte
corrucciata 
di una farfalla
senza identità,
leggera ape laboriosa
rimasta a pensare
sullo stesso fiore
che si consuma,
sei il corpo
della terra:
friabili i capezzoli
si raggrumano
verso il cielo.
Ed io li accarezzo 
con l'impazienza 
tremante
di un vasaio
innamorato
dell'umida 
creta. 
 

TI AMO

Anche
se un giorno 
cambiassero 
le parole 
per dirtelo 
perché tanto 
non ci sono parole
che possano 
raccontarti 
quel che sento 
non ci sono parole 
che possano 
condensare 
le attese 
ed i respiri 
affannosi 
non ci sono parole 
che possano 
entrare 
dentro te 
ora che fuggi 
impaurita 
e sfiduciata. 
Ti amo 
anche 
quando ti vedo
ingannata 
dalla lontananza
in cui 
la vita 
ci vorrebbe 
rinchiudere 
invidiosa 
di ciò 
che potremmo
costruire. 
Ti amo 
ora che ti manco
lo so 
fino a volermi
cancellare 
ora che ti manco
lo so 
fino ad impazzire
o piuttosto a ragionare. 
Ti amo 
ora che vuoi
lasciare 
morire 
la speranza 
che mi ha donato
una nuova vita. 
Ti custodirò 
nel profondo 
di quanto 
è profondo 
il dolore 
perché quel luogo
è incolmabile 
e solo 
può contenerti
e contenere 
il mio amore 
per te
cosi' esclusivo
da farmi sognare 
unico al mondo 
a possederti.