ATTENTI AI LUPI

Non siamo razzisti, ma non ci si può nascondere dietro un dito.
Gli extracomunitari sono davvero delinquenti.
Considerate la vostra semenza, dice Dante. Difatti: i negri sono i discendenti di Cam, il figlio di Noè venuto male, quello coi cromosomi di Caino. Tutti gli arabi sono discendenti di Sem: stessa razza degli Ebrei, che hanno crocifisso Nostro Signore, ed è tutto dire. I cinesi e gli asiatici non sono figli di nessuno, nella bibbia non ci sono neppure. Forse saranno figli di quel panzone di Budda, di Dio no di certo.
Fa benissimo la televisione a mostrarci ogni giorno e senza posa quanto sono cattivi questi foresti.
Bisognerà armarsi al più presto, addestrarsi con colt e cinturone, altro che storie.
D'altronde lo stato è in mano ai comunisti e quelli vogliono fare dell'Italia un Paese internazionale come il loro inno, possibilmente zeppo di soviet multirazziali.
Sta a vedere che dovremo lavorare sotto capisquadra e capuffici negri.
Sta a vedere che saranno loro a pizzicare il sedere alle nostre donne.
Intorno a noi gli immigrati sono milioni e si stanno preparando nell'ombra. Non è mica vero che lavorano: fanno soltanto finta di respirare al nostro posto gli acidi e i fumi delle fonderie, di sorbirsi il cromo delle concerie e di raccogliere i sammarzani.
Balle.
Appena finito il turno, anzi a volte anche in pausa mensa, questi scippano, accoltellano, rapinano, rubano, spacciano, stuprano e seviziano.
Una criminalità miserabile, roba da essere inferiori. Passeranno secoli prima che possano esprimere, che so, un bel delitto di via Poma, un serial killer come Donato Bilancia, due teorici come Scattone e Ferraro, per non citare quel genio di Pacciani, morto innocente coi complici in galera. Gente senza cultura, senza tradizioni... anche nel male questi immigrati sono dei primitivi.... Non buttano neanche i sassi dai cavalcavia.


Per contattare direttamente l'autore Mario Rossi

Homepage