Dagli abissi del Tirreno

Ciao ragazzi, è il Pescesega che vi parla....Argh!
Ci risiamo, tutti a ridere come scemi..... fate pure, io mica me la prendo: un pesce solitario e amante dell' autonomia, che di cognome fa Sega, è buffo per forza. A dir la verità, questo arnese da falegname, dritto sul muso, fa un po' ridere anche me.... Oddio, sempre meglio di quello spocchioso con la spada, che sembra Pinocchio.... o di quell'altro fesso col martello, che sogna la sua falce di luna.
Io me ne frego di queste romanticherie....io sono duro, inossidabile, tagliente. Amo le linee secanti e non prendo tangenti. (Perfino le tangenziali mi sembrano una perdita di tempo).
Io sono il più cattivo.
Altri colleghi pesci ogni tanto mordono o punzecchiano....ma io trancio, squarcio, sbriciolo, sbrindello. La sega è un arnese micidiale. Quasi magico, direi. Sentite, io sto di casa in Toscana, tra l'Elba e Piombino, provincia di Livorno. Da queste parti le seghe, anche nelle migliori famiglie, si sprecano. Eh? ...No, no, macché onanisti! Mi spiego con un esempio.
Cosa direbbe un professore in qualunque parte d'Italia a un alunno che non sa la lezione? "Ragazzo mio, non hai fatto niente, ti do 3". Invece a Piombino vi fa:"O bello, te un hai fatto una sega" (Il 3 purtroppo te lo dà lo stesso).
Oppure, metti che il preside fa il furbo e vi butta là:
"Ragazzi, ho saputo che al posto della gita di 5 giorni, quest'anno preferite quella dalla mattina alla sera".
Come risponderebbe una classe normale?
"Guardi che non è vero, lei si sbaglia, le hanno riferito male."
E direbbe benissimo.
Ma noi gli si fa più corta: "Una sega, Preside", e lui capisce al volo.
Io sono supersicuro che avete capito anche voi.
Facciamo una prova?
Cosa rispondereste a uno che vi dicesse :"Tranquilli ragazzi, mangiatevi tutta questa bella robina transgenica, che vi fa bene"??? ....Una sega? Perfetto! Vi giuro che l'avvelenatore andrebbe knock out.
Controprova: secondo voi cosa capisce un sarchiapone in divisa, che urla ai 4 20 che la guerra è l'igiene del mondo"?
....una SEGAAAAAAA.... Boia dé!
Ho sentito, ho sentito, ammazza che coro........Psss..scusate ...pssssst...Ma sarà poi vero che gli immigrati minacciano la Civiltà Occidentale?....
OK, stop!
Zitti!
Non importa...funziona, funziona.
Vedete? La sega basta nominarla.... e le stronzate si disintegrano ch'è un piacere! Per carità, mi rendo conto che il discorso non è tanto fine e nemmeno educato. Per smascherare, respingere (e prendere per il sedere) si possono usare anche altri mezzi. Va benissimo, l'importante è farlo quando ce n'è bisogno. E intorno a noi di questi tempi c'è un tale pienone di gente fasulla... ma voi non dovete aver paura, perché siete in tanti, tantissimi, anzi di più.
Se vi pestano i piedi, non state zitti.
Se qualcosa non vi torna, alzate la mano, fatevi riconoscere, mettetevi insieme....ve la ricordate la favola del Re nudo?
Ne vedete qualcuno in giro in questi giorni?
Sbattetegli in faccia la verità, con una bella sega di contorno e vedrete che farà la fine di Dracula quando spunta il sole.
Adesso vi saluto, devo fare un controllo, sapete, qui è tutto un viavai di petroliere....
Ci rivedremo presto però e spero che mi scuserete, quando mi scapperà ( è inevitabile) qualche parolaccia.... intanto scappo io, stasera devo farmi bello, sui fondali di Porto Azzurro ci sono i Segonfish Boys in concerto; si prevede una folla smisurata, non meno di 20.000 seghe sotto i mari....



Per contattare direttamente l'autore Mario Rossi

Homepage