Mauro c'invita a leggere le sue riflessioni; potete trovarne molte altre nel suo sito
"DIARIO DI BORDO"



L'ottimismo è l'arma di chi sa affrontare la vita dando il giusto valore alle cose senza sopravalutarne l'entità.
Fare le cose più grandi di quanto esse siano può portare ad una visione distorta dei nostri problemi ed attività, quindi è giusto cercare di essere ottimisti davanti a certe situazioni con l'accortezza di non cadere nella tentazione di credere di vivere in un'isola felice.


Si è soliti dire che il tempo è un buon medico e guarisce ogni dolore dell'animo. La cura è il dimenticare ciò che si è subito o che si è fatto , il volere continuare a ricordare e compiangersi a tutti i costi non solo non è una buona medicina alternativa al tuo spirito , ma è il modo migliore di farsi del male.
Se in passato si è sbagliato o qualcuno ha sbagliato con te non insistere coi ricordi , l'acqua sotto i ponti corre sempre , così è la vita per te; nelle paludi ci si ammala…nei fiumi si nuota.


L'uomo ha sempre avuto bisogno di una religione e di un Dio in cui credere.
Le religioni sono tante, le fedi diverse, per tutte le razze e colori. Ma c'è un Dio riconosciuto universalmente, di là del colore della pelle e della fede, un Dio che fa odiare, uccidere, amare , credere…
E' il Dio denaro.


Gli eroi ed i coraggiosi non sono nei libri di storia; eroe è chi spegne la sveglia al mattino presto ed esce di casa per la sua vita quotidiana.



Come è triste un albero di Natale senza addobbi…
Si presenta nudo e povero dopo essere stato splendente per giorni e giorni. E' come la nostra volontà di celebrare il Natale.
Corriamo come pazzi , spendiamo, facciamo finta di ridere, diamo la migliore parte esteriore di noi stessi, mangiamo e fingiamo che tutto vada bene, che la vita sia una lunga festa.
Il tutto per pochi giorni.
E poi?
Poi cosa resta?
Un mal di testa, la bocca amara, le tasche vuote come la nostra coscienza che ha creduto di santificare il Natale.

Guarda l'albero di Natale dopo la festa e guardati allo specchio. Noti qualche sostanziale differenza?


L'estrema forma di ipocrisia è l'ammettere che il denaro non serve a rendere felici.
Indubbiamente esistono dei ricchi infelici e dei poveri felici nella loro condizione ma provate a chiedere ad un povero se è meglio vivere nella quotidiana lotta per la sopravvivenza o se è preferibile avere il problema di come spendere il proprio denaro.
Chiedetelo solo se avete sufficiente velocità nelle gambe per sfuggire all'ira di chi ha meno di niente…


La più importante delle missioni non converte i selvaggi di inaccessibili foreste o scala le più impervie e pericolose catene montuose, non sfida le rapide dei fiumi, né parla a moltitudini di uomini. La più importante delle missioni è quella di fare crescere un figlio.


L'ipocrita è colui che, quando ti sorride, preferisce guardarsi la punta delle scarpe anziché i tuoi occhi.


Dare un senso alla propria vita non è facile, per questo molti non si pongono questo problema e vivono al peggio la propria condizione.


Sarà pur vero che chi trova un amico trova un tesoro.
Sarà dunque quella la vera ricchezza dell'uomo.
Ma nel computo delle ricchezze di questo pianeta, non mi sembra di vedere schiere interminabili di ricchi…
Non c'è cinismo nell'affermare che, guardandomi intorno, in fondo, l'unico vero amico che ho mi sta
guardando perplesso riflesso nello specchio mentre mi rado.



Quando una persona con dell'intelletto ti dà ragione su un qualsiasi argomento, ne sei lusingato.
Quando sullo stesso argomento ti senti dare ragione da un imbecille, provi disagio.
In entrambi i casi hai ragione tu…



Non è uno sguardo acceso , un fisico possente o una voce imperiosa che dà la prova di carattere di un uomo.
E' quella calma interiore che dorme pacata nelle pieghe più riposte del proprio io , capace di aprire in due le montagne e fare tremare le situazioni quando è risvegliata dal proprio sonno.



Quando non serve urlare, quando non serve il dialogo pacato e sereno nel rapportarsi col prossimo, spesso può servire il silenzio.
L'indifferenza verso chi ci vuole imporre la propria idea è un'arma molto efficace.



Il giorno che troverò qualcuno capace di uccidere la mia fantasia potrò affermare che ho trovato chi mi ha tolto la vita in modo inequivocabile



Per contattare direttamente l'autore

Homepage