Jhonny B. c'invita a leggere alcuni suoi racconti; potete inoltre trovare anche alcuni suoi consigli di lettura


Ho camminato molto stanotte…

...ho camminato per i campi dietro casa.....fra l'erba umida ed i vigneti ormai maturi....ed ho incontrato Ciano.....

...lo conosco da una vita Ciano...o meglio, e' lui che conosce me da una vita....

...so la sua storia e non mi stanco mai di ascoltarla....

....ci siamo fatti un paio di birre tra le chiacchere banali della quotidianita'...

...gli ho chiesto se mi lasciava riprovare...

...s'e' messo a ridere e m'ha fatto cenno di seguirlo....

...m'ha portato nella stalla...

...la Dora era la mia mucca di prova....

…ho preso il mio sgabellino...il mio secchio...mi sono sfregato le mani...

...lui appoggiato alla staccionata dietro di me.....ancora con la bottiglia in mano che gia' se la rideva.....cazzo e' difficilissimo mungere una mucca...

...prendo quelle tettine in mano....le stringo dolcemente tra pollice ed indice, come m'ha insegnato mille volte...parto dall'alto..piano piano verso il basso...

Dora gira la testa e mi guarda...sembra mi voglia sorridere anche lei....oppure lo fa in maniera retorica e sta pensando che sono un imbranato....

....poche gocce...

.....riprovo....e Ciano intanto ride....ride come un matto....

...ed io m'incazzo...

....Ciano a guardarlo sembra un vecchio indiano Apache....

....capelli lunghi grigi raccolti in una bella coda...pelle olivastra...quegli occhi neri....neri dal tempo...neri da tutto quel che ha passato...

....a petto nudo se la ride… ed io lo guardo....

....guardo lui...guardo il suo tatuaggio.....quello che ha giusto in direzione del cuore.....quell'angioletto....piccolo..dolce......quell'angioletto...quel figlio morto troppo presto....

...la Dora intanto vuole dire qualcosa.....

....

...mi passa la bottiglia Ciano.....mi da una spinta che mi rebalta sul fieno...ride Ciano...mi piace vederlo ridere....

…si siede sullo sgabellino....che sinceramente non ho idea di come faccia a sorreggerlo....

..ha due mani che se ti tira un ceffone ti stacca la testa dal collo....

…la Dora sembra prepararsi ad un piacere interminabile....afferra quelle mammelle...ed inizia lentamente...un movimento ritmico...una simbiosi di movimenti verticali e di strette di dita....ed esce a piccoli getti quel latte....mi guarda e continua a ridere prendendomi in giro....intanto la birra finisce.....gli sorrido....

guardo la Dora.....sembra al settimo cielo....

…mi giro e me ne vado......Ciano mi guarda e ride...ride a crepapelle il bastardo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

....quando bevo e come se entrassi in un mondo nuovo.

Ogni discorso che sento riesco ad analizzarlo con piu semplicita', riesco a trarre senza problemi le mie conclusioni...semplici, veloci, decise...a differenza del normalquotidiano dove m'assalgono sempre mille dubbi.....

....mi sento più razionale insomma....mi si apre la mente...mi si sgrovigliano storie e trame con molta piu' semplicita' molta piu' flessuosita'....

...e' una cosa strana....e credetemi se vi dico che mi siederei a tavolino ed inizierei a buttare giu' cose a mille....con una scioltezza mai vista....con una voglia di farlo fuori dal comune...pero' poi c'e' un fattore di soppraffazione che si instaura e sopprime la cosa.....e cosi...continuo a bere...con lo sguardo perso nel vuoto ed ecco che  l'idea della suora fumaiola sparisce....insieme all'omicidio alla casa della crusca...insieme al politico che sogna di fare la cubista e insieme al pedalatore di monociclo con il monocolo...

...svanisce...ed io con esso.

..la mattina al risveglio, ciclico il ripristino dell'ansia quotidiana...ci si riveste ci si rilava i denti...ci si ripiazza in macchina ci si rimette e lavorare....nella massa...ancora....e del tutto...pochi sprazzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Perche ti cerco?

 

Non so rispondere a questa domanda, non so nemmeno quanto valga la pena porsela.
Ti cerco e basta!!!

Balle

...non riesco a darmi pace finche' non ti trovo e' questa la realta'.

...non riesco a darmi pace finche' non t'ho dinnanzi.

...non riesco a darmi pace finche' non posso sfiorarti con le mie mani...con la mia lingua….

...non riesco a darmi pace finche' non posso chiuder l'occhi e godere del tuo profumo.

...non riesco....non riesco a darmi pace....

...giro a vuoto...brancolo nel buio....nessuno mi sa aiutare....

...fanno le pubblicita' dei lecca lecca alla fragola e poi non li trovi in nessun negozio…

....quanto mi fanno incazzare.

 

 

 

 

 

 

 

...chiamo in soccorso Juan pedro el borradores de palabras....

..troppi pensieri contorti, confusi ed annebbiati che si articolano nella mia testa...
tremende esaltazioni celebrali che non riesco ad appartare in nessun angolo dello scatolotto cranico...

...c'ho provato lo giuro.....c'ho provato in mille modi... eppure continuano lentamente a mangiarmi il cervello...continuano a divorarlo come un tredicenne davanti all’ennesima Kaipirina...

...chiudo gli occhi.....tutto si fa buio.....e penso a Juan Pedro....cancellatore di parole...e lo vedo arrivare a cavallo del suo Iguana cromato...ne percepisco la forma...il suo cappello da Gringo....il suo coltello serramanico....il pantaloni in pelle da vero Cow-boy...un occhio mancante....un braccio cibernetico...una catenina al collo con denti di lupo....

Juan Pedro....un lento respiro....e fantasmi pensieroidi s'infilano nella sua bocca...come polvere di mentine sbriciolate...si rilassa la mia testa....piano piano...si rilassa...come una tempesta che sta per finire....come un sole che sta tramondando....come un orgasmo in fase terminale...

juan pedro...ammicca...mette in moto...e mostra le spalle…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DIO

 

DIO
Finti uomini che predicano!
Dio, dimmi qual'e' il tuo bene.
Dimmi: dov'e' il tuo pane?
           dov'e' il tuo vino?
Perche tu, sei solo potenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La scena era interessante...tremendamente interessante...me ne stavo comodamente seduto sulle poltroncine aspettando arrivasse il titolare dell'autoscuola, per vedere se mi rinnovava la patente....a farmi compagnia non c'era nessuno, ad eccezione della segretaria...una bella donna...sui 32/33 al massimo...capelli di un nero pece...lisci fino alle spalle...due occhi luccicanti...grigio come il cielo prima della tempesta....un bel fisico...me ne stavo li...a guardarmi in giro...ad osservare fuori dalla veneziana il via vai della gente...il vento sollevava qualche foglia....e le signore che passeggiavano erano rintanate dietro al colletto dei propri cappotti....la luce del neon inizio' a lampeggiare....io la guardai....la signorina alzo' la testa...sbuffando qualcosa....si alzo...un bella minigonna pelle bordo'....la vidi afferrare una scopa ed allungarsi per dare qualche colpettino alla luce...che non aveva alcuna intenzione di stabilizzarsi...una buona mossa..tanto da scoprire un bellissimo piercing...su un altrettanto bell’ombelico...lo fissavo e lei se ne accorse...."Ti infastidisce il piercing"...."no, anzi lo trovo molto bello, sensuale..."...mi sorrise...e continuo' a battere sul lampadario....finche' la luce smise di lampeggiare.
...e cosi iniziammo a fare due chiacchere...sull'arte dei piercing e dei tatuaggi...le dissi della mia devozione per il disegno sulla pelle...e lei sembrava molto affascinata dal discorso...mi disse che anche lei era attratta da questa cosa...tanto da essere arrivata a farne uno...in una zona intima...e non nego che la cosa mi incuriosiva tremendamente...ad un certo' punto il discorso si areno', e non resto’ altro che qualche sguardo a dondolarsi nell’aire… qualche sorriso sperso nella caluria della stanza….il titolare non accennava a rincasare….involontariamente…mi ritrovai a guardarmi le scarpe….le mie mitiche Doctor Martin azzurro/grigio…e non so per quale motivo lo sguardo si sposto’ sulle scarpe della bella ragazza….un paio di scarpe semplici, in tinta con la gonna…con un tacco basso….ma ….la cosa più bella fu quando il mio sguardo inizio’ ad alzarsi…analizzando piano piano la lamiera frontale della scrivania….di un grigio cupo…quelle scrivanie metalliche che normalmente caratterizzano gli uffici statali….qualche graffio qua e la….e poi c’era la feritoia tra il piano ed il fronte….e li…si fermarono i miei occhi….per intravedere due bellissime gambe…leggermente accavallate…distolsi lentamente lo sguardo per paura che la signorina si rendesse conto in cosa mi ero imbattuto, chissa’ probabilmente se n’era gia’ accorta….ma la mia testa rimuginava….ed era piu forte di me…tanto da farmi tornare con gli occhi puntati la….ora le gambe non erano piu accavallate…come poco prima…erano leggermente aperte….anche se purtroppo non riuscivo a vedere qualcosa di piu….ma la fantasia era gia’ a manetta, e sentivo qualcosa muoversi….la guardai ed era assorta nel compilare chissa’ che tabulato…non sembrava prestarmi più molta attenzione e la cosa non mi infastidiva, anzi, mi dava la possibilita’ di poter continuare a sbirciare senza destar sospetto alcuno….e cosi sempre più incuriosito e preso dalla cosa….continuai ad osservare….e notai che lentamente le gambe si aprivano….e la poca luce permetteva a stento di notare qualcosa…piano piano pero’ l’interno coscia iniziava a diventare visibile….bellissimo…una parte che ho sempre reputato estremamente piacevole….una folata di caldo….cribbio….mi tolsi il giubetto in pile…e lo appoggiai sulla sedia….lei mi guardo’ e con un sorrisino malizioso mi congedo’ tornando alle sue tabelle…fuori il via vai continuava ad essere incessante…..signore con la borsa della spesa, bambini che correvano i bicicletta…tutti assorti nelle loro cose….ed io ero ancora la….da più di venti minuti ormai… E cosi’ riniziai nel mio intento d’esplorazione….ma la cosa si faceva sempre più interessante….la parte visibile ora era molta…anzi…avevo l’impressione che la gonna fosse più corta di prima…o meglio…più in su di prima…ma..come…si muoveva….la gonna saliva…piano piano…allora sempre con molta indifferenza notai che la signorina aveva una sola mano sopra la scrivania, con cui impugnava una semplice Bic nera….e l’altra mano….gia’…con l’altra mano si stava tirando su la gonna….cribbio..sta qua aveva capito…anche troppo mi sa….solo allora mi accorsi che stavo sudando….si iniziava a vedere l’intimo….particolare che poco dopo ebbi la possibilita’ di studiare meglio….non avevo nemmeno il coraggio di guardarla in faccia….uno slip in cotone bianco….lindo…con un bordino in pizzo bianco…fantastico…non riuscivo a scollare lo sguardo…e sinceramente sentivo un’erezione prendere il sopravvento…quanto avrei voluto che mi dicesse qualcosa…mi appoggiai allo schienale….mi accorsi pero’ che cosi era troppo visibile il rigonfiamento sotto i jeans…mi riappoggiai allora con i gomiti sulle ginocchia…mi passai le mani sul viso, strofinandole sugli occhi… A volte l’immaginazione fa strani scherzi….mi trovavo gia’ a fantasticare su un ipotetico rapporto sessuale con quella ragazza…che ne so…magari sul tavolo dove fanno lezione di guida…lei con la paletta con cui la polizia ferma le auto che mi dirigeva….fissavo quegli slip, quelle bellissime mutandine, ma e’ come se non ci fossero state….i miei occhi guardavano al di la di esse….ed avevano già immaginato il fascino, la bellezza di quelle grazie…una mano piano piano si insinua fra quelle gambe….cazzo…si voleva toccare….era una bellissima mano…curata..con delle belle unghie smaltate color terra di siena bruciata….avanzava piano piano….fino ad entrare in contatto con lo slip….era tremendo come una donna che si toccava in quel modo potesse farti andar via di testa….con un movimento rotatorio si stuzzicava….le piaceva che io guardassi….e nonostante tutto fingeva di riempire quel tabulato….la mano si stava spostando sul bordo delle mutandine….voleva tirarle in parte…non tenevo….non so se avrei retto…ormai sentivo tutto un movimento feroce…e la paura di combinare un casino li…beh…non sarebbe stato un bello spettacolo…le dita si infilarono sotto gli slip….e vidi finalmente qualche pelo nero…no, non era pelo….corrugai la fonte….e studiai meglio la cosa…il tatuaggio…gia’ quello che mi diceva poco prima…..non reggevo più…..la voglia di prenderla era troppo forte…e così...d’istinto mi sono alzato di scatto…lei ha alzato la testa….e mi ha fulminato con uno sguardo….aveva le labbra lucide…bagnate…era rossa sulle gote…per un istante chiuse gli occhi…come in preda ad un momento di piacere…faccio un primo passo verso di lei e nello stesso istante si apre la porta…”Buondi, scusi il ritardo ma ho avuto un contrattempo”….in meno di 2 secondi e’ crollato un mondo….non sapevo che cosa fare…se guardare sto tizio e buttarlo fuori dalla porta…o se guardare lei…avevo pure il timore che lui potesse notare la mia erezione cosa che invece lei sembrava aver visto gia’ da un po’…nell’aria, se respirata a fondo si poteva sentire l’odore dei suoi umori…lui entro’….ando’ all’appendiabiti per mettere giù il suo cappotto…..guardai lei….si scambiarono i nostri sguardi…un sorriso….l’uomo viene verso di me…..rimetto il mio pile…scuoto la testa….tiro su il colletto…e divento di nuovo uno delle tante figure per la strada….

 

 

 

 

 

 

 

Flame rumba blues

 

perverso?

.....parola forte...

…si forse mi si addice....

…forse la mia e' una perversione......

Pensieri che si sciolgono come cera al fuoco....e cola...lentamente...in maniera confusa lungo un corpo destinato al disfacimento....

eccitante la simbiosi del fuoco con l'aire....giocherellano...come due corpi desiderosi...eccitati...vogliosi...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si certo, faceva freddo quell’inverno ma sono certo che non era quello il motivo per cui si finiva a letto a scaldarsi con della sana ginnastica con tanta facilita’….o perlomeno ho la certezza non fosse il caso di sabato 18 gennaio 1975.

Ettore era sempre stato uno spavaldo e lo sarebbe rimasto per tutta la vita su questo potete giurarci, quella sera se ne stava alla festa dal buon vecchio Nicco….non era nemmeno mezzanotte e di sangue che gli circolava nella vene ormai non ce n’era più, solo birra, rum e fumo di quello buono.

Un giradischi ormai scanchignato finiva di consumare la sua puntina su un altrettanto consumato disco di Chubby Checker, canzoni storiche come limbo rock, let’s twist again, the hucklebuck, auto bahn baby si dissipavano nell’aria allo stesso modo in cui si disperderva il calore dal materasso ancora caldo della camera dei genitori di Nicco, dopo che Beppe e Teresa c’avevano ballato sopra il bolero (come direbbe Luciano).

Ettore se ne stava con lo sguardo fisso a terra, di fianco ad una cassa ballava…ballava come aveva imparato a fare stando ore davanti allo specchio nella sua stanza…..con il suo rum in mano…..con i suoi jeans comprati dagli americani al porto di Genova  e ammorbiditi, se cosi si puo’ dire, grattando il culo sul muretto in riva al mare….erano duri i jeans di una volta….ogni tanto buttava l’occhio alle ragazze sedute sul divano….con gli stivali fino alle ginocchia….con quei vestitini che oggi ricorda vagamente….le ragazze carine che gli facevano l’occhiolino….e lui, da buon spavaldo  lanciava il sasso per poi nascondere la mano…..erano solo buone prede per finire a letto….non gli interessava niente di piu’…..e se avesse dovuto scegliere tra loro ed il rum che aveva in mano….beh state pur certi che si sarebbe tenuto stretto il bicchiere.

Sulle mitiche note di Great balls of Fire dell’altrettando mitico Jerry Lee Lewis si spalanca la porta ed entrano Otto e Mary…che dire di Otto…..scatenato…..il cavallo pazzo della situazione…e’ incredibile il cambio di comportamento che ha nel momento in cui si ritrova con gli amici….normalmente e’ un bravo ragazzo…impegnato nel suo lavoro…dedito alla sua fidanzata…con la testa a posto insomma….pero’ quando finisce in mezzo alla brigata e’ un casino…..salta, balla, beve, canta, urla, corre, per poi finire normalmente aggrappato al water a buttar fuori anche l’anima…..il disastro in persona…..e Mary….si passa tutta la serata in disparte….calma….dolce…..tremendamente carina Mary….ed ogni volta che la vede ad Ettore passano per la testa le parole di quella canzone dello zio Fred….”…carina…preziosa…bambina…mmmm come soffro….”….l’unica donna per cui prova ammirazione….stima….e non solo perche’ e’ un ottimo esemplare di mammifero….ma per molte altre sue doti….ma tutto questo lei non lo sa….o almeno….non lo sa ancora.

La guarda e s’accorge che pure lei ha gli occhi su di lui….le fa un sorriso….lei pronuncia un ciao afono…ma per lui e’ come se si fosse spenta la musica…come se tutto si fosse fermato….e sente quella vocina…quella dolcezza…e s’incazza Ettore…..decide di movimentare un po’ la serata…..e vuole trovare il sistema per portarsela via quella bambola.

Recupera una bottiglia di birra…..la beve e ne lascia un po’ sul fondo…..va sul tavolo…prepara 6 bicchieri….li riempie fino all’orlo di rum…..invoca l’adunata….birra in una mano e rum nell’altra…e cosi inizia il giro di brindisi….beve il rum….e poi porta alla bocca la bottiglia di birra….poi subito un altro giro lo prepara Nicco……prima il rum….e poi porta alla bocca la bottiglia di birra…..si gira Ettore….la bambola e’ li che lo guarda…e sembra aver capito dal sorriso che gli fa….lui strizza l’occhio…si gira…ed intanto l’amico Otto e’ gia’ pronto con il terzo bicchiere….si brinda alla musica degli anni ’60…….poi 4 e cinque….qualcuno inizia a lanciarsi sul divano….buona occasione per essere coccolato dalle altre donne della serata…qualcuno tiene duro…e continua…..6 e sette….qualcuno s’arrende….Mary ride divertita……….rimangono solo Ettore e Otto al tavolo….Otto e’ rincoglionito ormai…e si chiede come faccia l’amico a tenere pure la bottiglia di birra….qualcuno intanto inizia a fumare….Otto…di nome e di fatto….visto che all’ottavo rum….il vecchiaccio sbocca….si precipita in cesso…e come al solito se ne stara’ li per un paio d’ore…con la testa infilata nel water e la bava alla bocca….

Si alza Ettore….lui e la sua bottiglia…..sembra tranquillo….sembra che l’alcool non l’abbia nemmeno toccato….cammina verso Mary…..nessuno li bada sono tutti troppo presi nei giramenti di testa…lei se ne sta seduta….ha gli occhi verdi Mary….lui va li…si accuccia davanti a lei…la guarda…..si passa la bottiglia dalla mano dx alla sx….e le fa una carezza…..

….lei gli prende la bottiglia dalla mano….se la porta alla bocca senza togliere lo sguardo…..a lui viene da ridere….

….un sorso….fa una faccia buffa…..e manda giu’…..

….”bleah…… rum e birra mescolati fanno proprio schifo……..”….

….la prende per mano ed escono….faceva freddo quell’inverno…..e finiscono in macchina a fare l’amore per scaldarsi un po’.

poi ad ottobre dello stesso anno sono nato io….ma questa e’ un’altra storia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi sento.

Mi sento come una goccia d’acqua….fino a poco fa dolcemente cullata dalla sua densa nuvola madre….e ora abbandonata ad un ignobile morte.

…tremila metri in caduta libera….consapevole dello schianto…consapevole della prossima decomposizione molecolare…e accetto tutto questo, anche per il semplice fatto che non esiste nulla che possa cambiarne il destino.

….non rivolgo nessuno sguardo in alto….m’ha abbandonato e non merita nulla.

…paesaggio in avvicinamento violento….la panoramica e’ notevole.

…non piango….semplicemente mi si contorce tutto dentro, ma me lo tengo per me.

…non aspettatevi un grande botto…nemmeno una grande perdita…magari chissa’…mi sfracello in silenzio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ORE 2.56

 
....Cazzo sono quasi le tre del mattino ed il caldo sembra voler infierire senza lasciare nemmeno un po' di respiro, nemmeno un alito d'aire per le strade deserte...qualche gallo, come me, insonne, forse ormai troppo vecchio inizia gia' a canticchiare....strano ero convinto che non iniziassero mai prima dell'alba... l'unico piacere resta quello di camminare in boxer a piedi scalzi....l'unica percezione di fresco arriva dal pavimento...forse meglio prepararsi un altro Havana-cola....senza forse... ...esco in giardino.....butto un asciugamano per terra e ci stramazzo sopra come un corpo appena macellato...e' tremendamente bello ascoltare i rumori della notte.....ad eccezione di sta cazzo di cicala che mi sta penetrando nella zucca.....sembra la signora che abita qua dietro....parla dalla mattina alla sera...non stop, senza interruzione...discorsi lunghi e contorti....e si che vive sola.... c'e' una civetta da qualche parte....non si capisce, a dx?....a sx?.....bevo un'altro sorso.... ......un fruscio lontano punzecchia l'udito.....aumenta.....s'avvicina....due luci in lontananza...corrono sparate...due luci ed un fruscio.....ta-tam....ta-tam....ta-tam....ta-tam.....la litorina che fa il tratto Maniago-Gemona...due vagoni di treno....perennemente vuoti ad eccezione della mummia che li conduce....bah...avanti e indietro...avanti e indietro da quarant'anni....secondo me c'e' il pilota automatico e quello dentro e' un bambolotto gonfiabile con la barba.... ...una altro sorso... ....le stelle credo si siano trasferite in altra sede...il cielo ne e' sprovvisto.....probabilmente se andiamo all'imbocco del casello autostradale....le troviamo....con ll loro bel perizoma giallo...con la loro borsetta piena di preservativi gusto e sapore.... ...almeno a farmi compagnia ci resta lei....la mia dolce luna...l'unica a farmi comapagnia con un po' di sto schifo di bruciabudelle.... ...ne resta uno spicchio questa notte...ed e' quel che basta per influenzare la crescita di sto cazzo di pianeta...maree...coltivazioni... ore. 3.40 ...mmmm...o qualcuno s'e' mangiato la cicala....oppure e' schiattata d'infarto...oppure s'e' resa conto di quanto stesse rompendo i coglioni ed ha deciso di tenere la bocca chiusa.....eppure a rimbombarmi nella testa e' la voce della vecchietta...strana sta cosa..... ....chissa' forse e' una prerogativa della notte quella di mescolarti le cose nello scatolotto cranico.....una miscela bruciacervella....allo stesso modo di come il rum si mescola con la cola... ahhhh..finalmente un po' di silenzio...cribbio ora tutto e' perfetto...ci mancherebbe solo una donna che ti salisse sopra a cavalcioni e ti togliesse il fiato a furia di colpi pubici....si...decisamente sarebbe l'ideale....mmmm…meglio non pensarci.... ....mi verso un'altro goccio....

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…BOLLE…

....bolle in mille forme e colori...

…uguali ai miei pensieri...

...bolle, normali, contorte, bucate, oleose a volte dense...

...uguali alle mie emozioni, ai miei sentimenti…

...bolle...avvolte da vapor acqueo...che esplodono in mille goccie...
...demoniaca la frattura cardiaca...

…tenebrosa la tempesta neurale...

....solo un bimbo....all'angolo di una strada...che intinge lo stanuffo in acqua e sapone...e soffia...soffia...ancora...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramontano le diaboliche menti di egoismi ormai oberate.
Nasce nel limbo il pensiero nuovo...e pure stanotte sento le grida ed i pianti.

Forse non sono solo nella mia testa...forse c'e' qualcuno con me...anzi, ne sono certo.
...chiudo gli occhi ancora per un istante...e la vedo...vedo chi divide con me questo corpo...e' bellissima...e la stringo, la stringo forte....

…sento le grida ed i pianti dei suoi figli in grembo....sigillati in quell'oblio...abbandonati in quell'antro...

…fra corpulenti ammassi grassosi...

...stimolati da pelviche danze tribali...

…ripudio di coito...

…delirio anale…

Sembra l'ultimo dei mie pensieri il lavoro stamane...il capo m'osserva...cerco di tenere gli occhi aperti...a stento...e si spengono le luci...si svuota il parcheggio...e resto solo...ancora...e' solo questione di tempo...e intanto m'accorgo che sono caldo....

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi risvegliai la mattina...al mio fianco troppi cadaveri....bottiglie di birra private delle loro interiora...smembrate e spossate come un tacchino per il giorno del ringraziamento...che piomba impressionante...

ora mi ci vorrebbe una bella scopata...gia'...per recuperare...un flash....
un lampo...

..rincoglionito come non mai m'alzo....apro la porta dell'armadio ed inizio a cianfrusagliare fra le porcherie che ci sono dentro...eccola la...ingrumata in un angolo...la tiro fuori....bella come il sole....ora dovevo trovare il sistema per gonfiarla....mmm.....genialata...prendi e corri....fuori da casa, giu per le scale....attraversa la strada...entro da Ettore...nel negozio di biciclette...con la mia bombolina gonfiabile sottobraccio...

Giovanni disgustato mi guarda....pure l'anziana signora ha cui stava aggiunstando una gomma....mi fissa...mi studia..mi scruta.....m'avvicino a lei...la fisso negli occhi...arrivo' a pochi centimetri...e' intimorita...mi guarda....fa un passo indietro.....tiro su la mia bambola..."signora...ma lo sa che avete la bocca uguale"....e inizio a simulare un pompino di quelli da panico....la signora mi fissa...Giovanni mi sta maledicendo....prendo la pistola dell'aria....inizio a gonfiare la mia bambola....gia m'immaginavo la splendida scopata che mi sarei fatto....gonfia....gonfia...prende forma il mio tesero...bionda...due tette che Pamela Anderson in confronto e' na minorata....e' quasi pronta....Giovanni e la signora con la bocca simile alla bambola mi guardano sbigottiti...ancora un pompatina......BOOOOOOOOOOMMMMM.....e mi muore in mano...in mille brandelli...il biclettaio e la signora mi guardano.....a lui scappa un ghigno....lei invece inizia a ridere rumorosamente....inizia a scompisciarsi dalle risate....la odio... e ride la signora...anche Giovanni le da corda...ridono insieme...all'unisono..forte....ridono di me.......incazzato prendo ed esco.....un urlo della signora m'accompagna mentre varco la porta....."a frocioooooooo...."

 

 

 

 

 

 

 

THE END

 

Sogno di accendere i tuoi desideri,
con solo in cuor una lacrima di speranza.
La fine del mondo si fa sentire
ed il terribile odore di putrido capovolge la clessidra,
nella quale il sangue gocciola pian piano.
Una mosca si scontra contro un vetro,
nello stesso istante in cui il pesce abbocca all’amo del pescatore.
GOAL!
Un uomo viene evirato mentre la sua donna gioisce con i testicoli in mano.
Pericolo! Pericolo!
Feci sparpagliate sull’Italia del 3000.
OPS-OPS-OPS
Un addio alla piccola vita di un cane.


THE END

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...COMPRIAMOLO...

...PERCHE' NON METTIAMO SU UNA FABBRICHETTA?

SI..DAI...L'IDEA E' GENIALE...PRODUCIAMO CORPI....CORPI VERI... VIVI...PRODUCIAMO ESSERI UMANI....UOMINI E DONNE....

…I DATI ANTROPOMETRICI CI PERMETTONO DI DAR VITA A CREATURE PERFETTE....CI PERMETTONO DI SODDISFARE LA RICHIESTA DI CORPI DI OTTIMA QUALITA'....

MA SI...DAI CHI NON LO COMPREREBBE IN FONDO UN CORPO?
NO....NO...NON PER SOSTITUIRE IL PROPRIO....UN CORPO A PROPRIA DISPOSIZIONE NEI MOMENTI DI BISOGNO....SAI CHE FIGATA....STASERA VADO A CENA CON NAOMI CAMPBELL....DOMANI PORTO AL MARE JANET JACKSON....LA SETTIMANA PROSSIMA VEDIAMO SE COMBINO E GLI DO UN COLPETTINO ALLA FERILLI...

IL CONSUMISMO E' LA NOSTRA FORTUNA....UNA BUONA PUBBLICITA'....E VENDI L'IMPOSSIBILE....ALTRO CHE REAL DOLL..QUI NON PARLIAMO DI PRODOTTI SINTETICI...DI MATERIALI A BREVE CONSUMO.......QUI SI TRATTA CARNE....SANGUE.....CACCHIO SE POI LA COSA PRENDE PIEDE POSSIAMO METTERE DEI DISTRIBUTORI LUNGO LE STATALI...

UN CORPO A FARCI COMPAGNIA....SOLO UN CORPO...A VOLTE E' VERAMENTE CIO' CHE VORREMO....

..STA ARRIVANDO UN FAX....

E' UNA RITAGLIO DI GIORNALE....

"..POLIZIA IMPEGNATA NELL'ARRESTO DI 76 CORPI...TUTTI UGUALI... TUTTI SOTTO LE SEMBIANZE DI TAL JHONNY BRILLANTE...CHE PER MOTIVI ANCORA DA CHIARIRE SI MASTURBAVANO DAVANTI ALLA SEDE DEL MUNICIPIO..."

 

         ...CACCHIO M'ASSOMIGLIANO FIN TROPPO....

Chico Mendes

 

E' risaputa la sua passione per i Gang....proprio da la gli amici hanno deciso di chiamarlo Chico Mendes....come diceva la canzone....” Quando ride sbadiglia e sua madre era la luna, notte smeraldo tamburi di festa lingue di foco nella foresta. Ooooohhh Chico Mendes

...Chico Mendes...19 anni...personaggio ambiguo perso nel suo celebromondo... nella sua vita da uomo in crescita...

...notti passate a scrivere con la sua stilografica da quattro soldi su carta di pessima qualita'....il suo bruciabudelle sempre a portata di mano...i suoi pensieri e le sue confusioni aggrappate al suo scatolotto cranico come il peggiore degli animali da compagnia....

…Chico Mendez....

…Chico Mendez.....quinta superiore dell'Istituto Professionale specializzazione chimica....ha sempre adorato giocare con le molecole...con gli atomi...essere padrone del sistema...essere il dominatore di tutto cio' che ci circonda.....ma la vera passione l'ha scoperta da poco.....la letteratura...la voglia e la necessita' di scrivere...il desiderio di comunicare...il piacere ed il gusto di esprimere i propri punti di vista....le proprie concezioni...in maniera esplicita, senza fronzoli e la capacita' di trovare sempre le parole adatte, al momento giusto....dote di cui il suo prof. d'italiano, altro personaggio ambiguo ma non per questo scemo, ha notato la tremenda ed efficace potenzialita'....spronandolo cosi sempre piu' il ragazzo a scrivere...a comporre....a lasciare andare le proprie sensazioni....e tutti lo sanno...Chico se vuole ti fa sognare...Chico se vuole ti compra con la sua dialettica....un sistema splendido per apparire al pubblico.

....a tutto questo si presenta un problema.....la paura di Chico di presentare i frutti della propria mente ad una societa'.....il timore che il suo modo di vedere le cose....il suo affascinante sistema di comunicazione non venga adeguatamente recepito da chi sta al di la......e questo fa si che Chico Mendes....nasconda i suoi scritti...fa si che le sue parole vengano segregate in chissa' quale dannato posto.....
..ma c'e' un appuntamento....c'e' un appuntamento a cui il Prof.  lo aspetta al varco...la maturita'....e Chico lo sa...Chico lo sa che quella sara' la sua sfida...quello sara' il muro da infrangere.....5 anni a studiare come un matto....5 anni che non possono essere annullati da uno stupido tema.....ma la paura si fa piu' forte.....e nemmeno lui ha la minima idea di come affrontare tutto cio'.

28/06/01 ore 8.15


....tutti gli studenti sono seduti ai loro banchi...nessuno parla....il nodo in gola e' troppo evidente....e Chico sta affianco della finestra....guarda il sole che riflette in mille punti...guarda le ombre del giorno disegnarsi sulla strada....
...il prof De Zorzi lo guarda fisso.....e intanto strappa la busta...sa che un tema sara' sul Boccaccio....e sa che Chico Mendes...e' tremendamente preparato sul Boccaccio....il suo tema...se riuscisse....potrebbe lasciare a bocca aperta molte persone....lui compreso...

...gli altri titoli non li conosce....

...veloce lo sguardo del prof legge i temi...

...il Boccaccio...come sapeva....commentare un articolo di Idro Montanelli….le coalizioni della seconda guerra mondiale…..e poi il quarto titolo….il quarto cazzo di titolo…

...cos’e’ per te il coraggio.

De Zorzi sposta lo sguardo su Chico…..lo fissa….il ragazzo non ci fa caso…continua a guardare fuori….cosi inizia a dettare i temi…uno alla volta…lentamente….il Boccaccio….Montanelli….la guerra…e poi quel titolo…quel tema…cos’e per te il coraggio.

Chico inizia a scrivere….scrive come se avesse in mano la sua stilografica…come se avesse la sua carta da 4 soldi…..come se fosse comandato dal suo bruciabudelle….rapido…sicuro….senza guardarsi in giro…il prof. tira un sospiro di sollievo…ha scelto il Boccaccio…ed il ragazzo e’ preparato sul Boccaccio….cavoli se lo e’…

Chico scrive come non mai…lascia che tutto venga fuori nel sistema piu’ naturale possibile…non alza la testa per quasi tre ore….non si degna di guardare in giro….il prof. e’ tranquillo…la barriera sta per essere infranta…il muro sta per crollare ne e’ certo…

Ancora 5 minuti a disposizione…Chico lo sa….tutti lo sanno…..scrive la conclusione…e chiude con un punto che risuona secco come una gong…alza la testa….si guarda intorno….ribassa il capo….De Zorzi ora lo guarda….Chico scrive ancora.
Suona la campana…tutti si alzano e vanno a consegnare….un foglio sopra l’altro sulla cattedra…..Chico ha un sorriso in bocca…..si alza…..si mescola ai compagni…lascia cadere il suo foglio sopra gli altri ed esce dall’aula.
Il prof. ha parlato tanto alla commissione di questo ragazzo…delle sue proprieta’ letterarie….delle sue potenzialita’ espressive… ha scritto per 3 ore ininterrotte…sicuramente e’ un ottimo lavoro…chiude la porta…prende i compiti ed inizia a cercare…cerca…cerca…cerca….finche’ trova il foglio…lo sfila…lo tiene davanti agli occhi saldo…si fa serio...cupo…i signori della commissione lo guardano...silenziosi…..scivola un sorriso sulla faccia del prof.…un sorriso che lentamente si trasforma in una risata fragorosa…una cantilenante sganasciata…lascia cadere il foglio sulla cattedra…si dirige verso la porta ridendo come un matto…la apre…Chico e’ in fondo al corridoio…con i suoi capelli sparati…con il suo cavallo tremendamente basso…la sua camminata funky…le mani che spariscono nelle tasche dei jeans…..Chico Mendes..lo sa che dietro di lui c’e’il prof fermo sulla porta che lo fissa…che ride come un matto…lo sente…ma non si gira…cammina dritto verso l’uscita…poi d’improvviso porta i pugni al cielo…come in segno di vittoria…stringe un foglio nelle mani…il prof…lo imita senza farsi notare…i pugni al cielo…e’ la vittoria.


De Girolami Stefano (Chico Mendes) 28/06/01

 
Tema per la Maturita’ d’Italiano


Titolo: Cos’e’ per te il coraggio.


Svolgimento :

 


Per me il coraggio e’ questo.

 

 

-Fine-

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non Oracolaeggiare Nenie


Uomo Che Chiudi Illusioni Dentro Effimere Retoriche,


E Termini Esanime, Stanco, Troppo Esasuto.


Se Solo Opporsi A Dolori E Sofferenza Salvasse Ognuno.


Le Ali, Vola!


Illuditi Terrestre, Adesso Tutto Inizia A Perdere Potere,


A Rappresentare Troppi Idoli E Nessuna Eternita’.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CARNOSE MASSE

...DISIDRATATI I FLUSSI CELEBRALI.
DI EGOISMI ORMAI OBERATA LA MIA MENTE,
E LA VOGLIA DI CARNOSE MASSE FEMMINILI M'AVVOLGE.
UMIDA LA SENSAZIONE...UMORI NELL'AIRE...
SAPORI NELLA MIA TESTA....
FIBRILLAZIONE IN CORSO....
BI BIP....BI BIP....BI BIP....BI BIP....
PROVOCAZIONE, TRASGRESSIONE, ALTERNATIVO...
TUTTI AGGETTIVI CHE DONDOLANO NELLA MIA TESTA.
..TUTTO SI SPINGE OLTRE...
E' PRECOCE L'EIACULAZIONE,
SPERMA CHE SFIORA DI DONNE I CORPI,
SPALANCANO LE FAUCI E ASSAPORANO IL DESIDERIO.
FRENETICO, ADRENALINICO,
ANALE IL RAPPORTO....
PIACERE E LIMBO S'AVVICINANO...
URLA LA DONNA...
ANSIMA....VIENE.
TUTTO SI SPEGNE PIAN PIANO...
CADAVERE CHE GIACCIONO SDRAIATI..
IN UNA POZZANGHERA DI PIACERE.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...era da un bel po' che Victor non si faceva un giro per il campetto a guardare suo figlio mentre giocava con gli altri ragazzi...purtroppo gli impegni l'avevano privato della possibilita' di poter spendere cosi il suo tempo; e' sempre stato severo con Ben, ha sempre selezionato per lui gli amici, ha sempre ritenuta corretta la sua modalita' d'istruzione ed il suo modo di farlo vivere....non voleva che frequentasse gente strana...personaggi che potessero essere per lui pericolosi...o cmq che non giovassero alla sua crescita…Victor e’ sempre stato un tizio diffidente…un “appartato” …uno che non ha mai cercato di fare un passo in avanti per migliorare i suoi rapporti con la gente…ha sempre provato disprezzo per quelle categorie che si sta sempre poco a giudicare, e che purtroppo vengono castigate da una cattiva propaganda sociale.

Si respirava aria buona….era forse un giorno di primavera anticipata…un bel sole che sinceramente non scaldava poi molto, pero’ illuminava che era un piacere, e proprio questo fattore rendeva piacevole fare 4 passi in mezzo al verde….. La strada per arrivare al campetto era poca….e tutta immersa nel verde…alberi spogli, apparentemente tristi e cupi costeggiavano il vialetto cementato….non sembrava esserci nessuno..chissa’…ricorda che da piccolo a qualsiasi ora era sempre affollato…ricorda le corse e le scmpanellate con la bici per quelle stradine….per un attimo gli e’ perfino sembrato di rivivere quella spensieratezza….quegli attimi di felicita’…..poi tutto e’ tornato nel grigiore ormai di routine…Ben adorava giocare nel campetto da calcio….sicuramente l’avrebbe trovato la….camminava a testa bassa Victor, scrutava il calpestio delle foglie secche a terra….studiava i giunti tra una piastra di cemento e l’altra….s’accorse che qualcuno… gli stava venendo incontro….non alzo’ la testa prima di avere questa persona ad un paio di metri da lui…un signora, avvolta in un cappotto marrone…un cappotto che le arrivava fino alle caviglie….che lasciava vedere solo la testa…lo sguardo di Victor cambio’ improvvisamente….corrugo’ la fronte…i suoi occhi si assottigliarono….guardandolo bene si poteva leggere tutto sul suo viso….fastidio….disprezzo….odio…rabbia….si…questo quello che provava nei confronti di quella gente….i neri…persone che ha sempre posizionato nella cartella nera del suo archivio mentale…persone da ignorare, da non badare, individui che ha sempre reputato fossero il marcio di una struttura comunitaria, inadatti ad una vita lavorativa…inadatti ad un adattamento sociale, non dava alcuna importanza al pensiero antiraziale che quotidianamente tramite i media veniva diffuso in mille modi e mille salse…lui era cosi’…e cosi erano le sue idee…..nessuno poteva andare a fargli i conti in tasca questo era certo. La signora lo saluto’….gli fece un sorriso….lei sapeva chi era….si…se lo immaginava certamente…ma lui disdegno’ quest’offerta…questa richiesta comunicativa che s’accontenta di un “buongiorno”…di un “salve”…o magari di un semplice cenno di capo….no…nulla..dritto, sempre con l’ira negli occhi… Le mani dentro le tasche del suo Montgomery…gia’ gli sembrava di sentire gli schiamazzi di suo figlio….sul campetto da calcio proprio come s’immaginava…ancora pochi metri….e l’avrebbe incontrato…una bella sorpresa certo…lo sentiva urlare…”passa Eddie…passa…..lungo….”….non si ricordava di nessun amico che si chiamasse Eddie…ma non fece molto caso alla cosa….procedeva a passo lento….sarebbe sbucato da dietro la vecchia tribuna in cemento…cosa che infatti successe pochi passi dopo…e la scena non gli piacque per niente…sul vecchio campetto da calcio….in terra ormai bruciata dal tempo…polverosa e senza un filo d’erba….due porte che avranno avuto piu anni di lui….segnate e risanate chissa’ ormai quante volte…c’era suo figlio…correva…era un bel bambino Ben…dei morbidi capelli a caschetto biondini…un viso felice…con un camicia a quadri scozzesi grigi che penzolava a destra e a manca……accellero’ il passo Victor quando vide il bambino con cui stava giocando….e subito ricollego’il sorriso della donna incontrata per strada…..Ben non s’accorse di lui…o perlomeno non si rese conto della sua presenza finche’ non se lo trovo’ ad un paio di metri…..si fece prendere da un super sorrisone….perse di vista il pallone e corse incontro a suo padre…felice di vederlo come non mai….lo guardava ridendo…e mentre correva…gli urlava….”Ciao papa’….hai visto che tiro?..una bomba dritta in porta…nemmeno Chilavert l’avrebbe parata una cannonata cosi….”…s’accorse che qualcosa non andava…l’espressione di suo padre non accennava nessun segno di miglioramento….Victor prese Ben per un braccio….lo tiro’ a se…con forza…”Ben, te l’avro’ detto 100 volte ormai…non voglio che giochi con bambini negri…..”….”…ma papa’…”….quei piccoli occhietti iniziarono a riempirsi di lacrime….e si perdevano nello sguardo severo del padre….”Ben, nessun ma e nessun pero’….tu non giochi piu’ con i negri chiaro? …tu sei un vincitore…”…lo sguardo di Victor si sposto’ su Eddie….quel bambino…il colore della sua pelle…”…non un perdente”… Ben…tiro’ il braccio…sfuggendo dalla morsa del padre…corse verso il suo amico….Victor non fece tempo a reagire che Ben era abbracciato al neretto…si giro’…guardo’ il padre…..gli occhi continuavano ad essere lucidi…”…c’e’ chi vince papa’….e c’e’ chi perde…ma a noi non interessa….vogliamo solo giocare insieme…”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SUCCHIA LA VITA FINO AL MIDOLLO (L'attimo fuggente)


...capite....succhiare la vita fino al midollo....
snervarla, oltrepassarne il punto critico, spossarla, sfinirla, estenuarla...
...inutile aggrapparsi ai favoritismi, alle paraculaggini...
la vita dev'essere l'esuberanza di orgoglio,
dev'essere la lotta per il raggiungimento dei proprio obiettivi,
l'appagamento delle proprie convinzioni...
la vita...
la vita....stupido non badarla,
stupido non volerne avere a che fare,
stupido non accettare di far parte di un ciclo grandioso,
in fondo poi, forse siamo noi il Dio che tanto cerchiamo...
...la vita...succhiane il midollo....il sapore sara' maledettamente piacevole...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

S. LORENZO

 

...COME GRAFFI LUMINESCENTI,
LA SENSAZIONE CHE ORA QUEL MANTELLO SI SQUARCI E SI APRA,
RIVERSANDO TUTTI I PENSIERI E TUTTE QUELLE FANTASIE CHE ABBIAMO ORMAI PERSO DA TROPPO TEMPO,
VITA....COME STELLE CADENTI....UN ATTIMO DI GLORIA...UN ATTIMO DI ATTENZIONI....
NELLA NOTTE DI S. LORENZO..... PROFUMO DI PESCHE NELL'ARIA....
L'OCCHIO PIU' VELOCE DELLA MENTE....A SCORGERE INESORABILE...QUEL LIMPIDO FRUSCIO....
COME NELLA VITA...OCCHIO E ISTINTO...
OCCHIO E ISTINTO....

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Lulù la luce è vuota senza colori senza più vita Lulù ogni ora persa è una ferita che si apre in volto a noi. Marlène quanto odio ho visto quante ferite alla mia anima persa Marlène suona la ribeca ed ogni suono grida pace a noi. Ma noi restiamo soli di fronte all'odio invincibile impalpabile per noi. Li chiamerai grida di più Lulù Marlène persi nell'eco nel cielo finto che li avvolgerà Lulù Marlène persi in un sogno tu griderai grida di più Lulù Marlène persi negli echi un cielo finto li avvolgerà Lulù Marlène "...

... quante volte l'ho ascoltata questa canzone...quante volte ne ho assaporato le parole in condizioni diverse...a volte aspre...altre dolci....a tratti diaboliche...
...il grigio del cielo....lo scivolare languido di nuvole sopra il nostro capo....dentro la nostra testa...lo scrociare impetuoso di piogge, pronte ad allagare i nostri cuori...i nostri sentimenti le nostre emozioni....

...wodka e ghiaccio ne attenuano il pesante martellare....

....ore 3.10...tu-tum....tu-tum...tu-tum...

..vasca piena fino all'orlo....finestra spalancata....bicchiere in mano...luce soffusa...chiudo gli occhi...

...madre Lilith....un bacio con la lingua...

...un'erezione affiora dall'acqua...

... wodka e ghiaccio....

...madre Lilith...

..tu-tum...tu-tum....tu-tum...
..un gatto balza sul davanzale....ammicca...

...allungo una mano...l'interruttore...spengo la luce...ed i suoi occhi s'illuminano...sbadiglio...
...me ne torno a letto...l'erezione non desiste
.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

???


Se dire cio’ che penso e’ vita,
non mi considero essere,
delusioni accentuano le idee,
penso che la vita sia sclero.
La musica spadroneggia,
il ritmo scandisce le immagini
ed il pensiero diventa chiaro,
tutto e’ luce, tutto e’ futuro,
tutto diventera’ e il desiderio e’ un punto.
La vita decide se vincere o...
La collina e’ qua e la pace e’ concisa in una goccia.
La vita e’ aria.
Tu ti spacci per punto, evita,
io ti proclamo dio del disperato
e percio’ fai parte della tribu’ del nulla.
Il cervello e’ vortice.
Il pensiero si stabilizza,
tutto torna alla fine di una pisciata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerebro

Dondolamento inerme di piume degli antichi alberi.
Come due libellule che sospese nel vuoto,
da colpi di vento si fanno solleticare.
Nel piccolo cervello il pensiero contrasta pochi inesorabili fuscelli di sangue,
che come vino la zanzara beve.
E nel rigurgito dell’anima un piccolo diavoletto rosso, comodamente inginocchiato,
si sazia infinitamente di dolori e sofferenze maturate dal tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

....ero un montanaro (lo sono ancora)....ignorante (lo sono ancora)....c'erano solo le mie vacche ed i miei campi....

poi un giorno vado da Pedro a recuperare la mia falce.....li trovo Arturino il figlio che sta studiando per diventare dottore dicono....con un libro d'anatomia.....visto che suo padre non c'era mi va a recuperare la falce ed intanto do un'occhiata al libro che teneva in mano....un disegno...una sezione del corpo umano....di una donna....cosa che fino ad allora non era di mio interesse....le scritte erano concentrate su una zona....e dalla figura partivano dei raggi con le varie descrizioni....grandi labbra....piccole labbra...monte di Venere...imene....tube di Falloppio....e poi lui....la parola che mi sconvolse la vita e che impiegai un pezzo per riuscire a leggere e pronunciare....clitoride.

...cos'era?....cosa non era?....non potevo restare nell'ignoranza...non potevo non sapere...e cosi....dopo qualche giorno decisi di mollare tutto e andarmene un po' di giorni nella grande Milano...qui era impossibile sapere..chiedere....li invece avrei sicuramente avuto l'opportunita' di apprendere.

Valigie sotto gli occhi di tutti, prendo il treno e vado.....

...arrivo nella grande citta'....molto diversa da quello che m'aspettavo.....la gente non ti saluta....non ti guarda...ognuno dritto senza guardarsi attorno, come il mio asino quando gli metto il paraocchi...

...mi fermo al primo bar....una moribonda compagnia di anzianotti se la giocava a tresette...le persone anziane hanno esperienza loro m'avrebbero potuto aiutare ne sono certo.....chiedo un bicchiere di latte al barista....m'avvicino ai vecchiotti...

"Buongiorno"

....qualcuno mi guarda qualcuno nemmeno mi caga....uno azzarda un mezzo saluto muovendo il capo.

"Sapete dove posso vedere un clitoride?"

...silenzio...occhi...sguardi...i vecchi scoppiano a ridere.....e mi guardano....e piu' mi guardano piu' ridono.....io li prendo in simpatia...e rido insieme a loro....certo forse ho formulato la frase in maniera errata....

..."uno di loro mi chiese quanti soldi avessi in tasca"....non riuscivo a capirne il collegamento con la mia richiesta cmq risposi....5000 lire....erano bei soldi in quei tempi.....mentre gli altri ridevano ancora a crepapelle uno mi disse di andare verso mezzanotte in Viale Zara, li con qualche spiccio avrei visto tutti i clitoridi che avrei voluto...ma a me bastava vederne uno...dovevo colmare questa curiosita'...questo vuoto che s'era creato nel mio immaginario.

...Milano non era poi chissa' che....ci camminai per tutta la giornata, ci camminai guardandomi attorno avvicinandomi sempre piu nella zona x....un sacco di gente che camminava...testa china....non un buon odore nell'aria...un mix di fragranze incomparabile con il dolce profumo del ciliegio...dell'erba....del pesco...

...si fa la notte....piano piano...il sole qui sparisce prima....sparisce dietro i grandi palazzi....anche la gente sparisce....piano piano una strada come V.le Zara di fa deserta....e credo sia piu suggestiva cosi che piena zeppa di zombie...

....un furgoncino con un omino che fa panini e' il mio ristorante...

....mi siedo su una panchina e aspetto....intanto cerco di valutare dove e come avrei visto cio' che cercavo standomene la seduto....cercavo in cielo qualche stella...mamma luna....nulla...cielo piatto...d'un bluastro banale.

...piano piano qualche macchina rispunta....piano piano....qualche donna si rifa' viva....vestiti un po' succinti...all'avanguardia.....le tendenza della grande citta' d'altronde....cosa vuoi....

...donne...uomini....macchine che si fermano, le caricano e ripartono....mezzanotte passata....qualcuna addirittura con il seno fuori...giovani vecchie....belle brutte...tutte magrette pero'.....io che in montagna sono abituato a quelle donnone che se ti tirano un ceffone di fanno fare un volo di due metri...cosi...un bel respiro d'incoraggiamento....mi alzo e via....una bella camminata fra questo pullulante paradiso al femminile....me lo sentivo avrei risolto l'enigma quella notte....

...corpi a dx...corpi a sx....e sono certo che ognuno di questi bellissimi corpi un clitoride ce l'aveva da qualche parte da farmi vedere....solo che volevo essere certo di chiedere alla persona giusta....

....cercavo fra tutte queste donne....(mai viste tante insieme)....quella che piu mi aggradava...quella che mi dava piu' sicurezza....finche' appoggiata all'angolo d'un palazzo vedo una tizia....piu' formosetta.....piu' sostanziosa...piu' e basta.....due belle spalle scoperte...un vestitino ricoperto di paillets....un seno abbondante...una gonna ed un paio di calze (poi avrei scoperto che si chiamavano autoreggenti).....m'attizzava insomma...e cosi mi feci sotto.....mani in tasca...indifferente, piano piano mi avvicino....fuma una sigaretta....senza filtro.....guardo....lei sorride....

"scusa, hai un clitoride da farmi vedere? c'ho i soldi....."

....mi sorride...in maniera tenera....mi prende la mano....e con la testa mi fa cenno di seguirla....imbocchiamo una porta in una palazzina li vicina....mi fa entrare in un appartamentino, soft...delicato....candele accese...nell'aria un buon odore mi ricordava le mie montagne....mi spinge sul letto...e mi salta sopra come una gatta....non me l'aspettavo...non sapevo che fare e nemmeno come comportarmi....poi s'alza......d'innanzi a me...io sdraiato e lei li....si sfila le scarpe....srotola piano piano le calze.....ed inizia a spogliarsi...piano piano...in maniera sensuale e provocatoria....il suo seno roseo al mio cospetto...i capezzoli turgidi...e poi giu' gli slip.....ed eccolo la....risolto il mio mistero....il dubbio che m'assillava svanisce in un attimo...lo contemplo qualche secondo...quel che basta....mi alzo.....tiro fuori le mie 5000 lire gliele do...e me ne vado....di nuovo per la strada...di nuovo sotto il cielo bluastro banale....di nuovo in mezzo alle donne...sorriso stampato....non era proprio come me l'aspettavo...sul disegno del libro di Arturino l'hanno un po' sottovalutato.....il clitoride....in verita' fara' 20....25 centimetri....li sul disegno nemmeno si vedeva....

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi sento.

Mi sento come una goccia d’acqua….fino a poco fa dolcemente cullata dalla sua densa nuvola madre….e ora abbandonata ad un ignobile morte.

…tremila metri in caduta libera….consapevole dello schianto…consapevole della prossima decomposizione molecolare…e accetto tutto questo, anche per il semplice fatto che non esiste nulla che possa cambiarne il destino.

….non rivolgo nessuno sguardo in alto….m’ha abbandonato e non merita nulla.

…paesaggio in avvicinamento violento….la panoramica e’ notevole.

…non piango….semplicemente mi si contorce tutto dentro, ma me lo tengo per me.

…non aspettatevi un grande botto…nemmeno una grande perdita…magari chissa’…mi sfracello in silenzio.

 

 

 

per contattare direttamente lo scrittore