Emanuele Gallo è nato il 19 febbraio 1973 a Roma dove attualmente risiede in Via Fonti del CLitunno 25; è laureando in Scienze Politiche, e c'invita a leggere alcune poesie.

Parole di Vento

Parole di vento
nuvole veloci,
distributori automatici
e sonnacchiosi nottambuli bar dimenticati,
graffiti graffiati sui muri.
Parole divento
e sotto corrono lenti
titoli di coda.


Guerrieri

Impauriti guerrieri
si sgretolano,
pioggia acida su giorni bruciati,
impressionanti squarci di sole
su nero di plastico petrolio.
Stupidi guerrieri
aspettano pigri,
indolenti
aspettano.
Pioggia acida contrasta,
macula,
ore moribonde
di vivido tempo,
lontano si accendono
si spengono
scintillanti insegne luminose
e fari dilaniano angoli.
E´ la notte di un altro giorno
impauriti e stanchi guerrieri
aspettano.


Le cose che ho perso

Sono cose che ho perso, volti e voci che non ricordo,
nomi e storie, come veloci e perentori sorpassi.
E son canzoni, odori ed espressioni, che mi portano a te.

Mi fanno pensare a te
che da troppo tempo non vedo,
risate e verità di tanto tempo fa.

Come mi credevo diverso amore,
grida pugni e calci, appuntito su fogli bianchi,
dietro sigarette di fumo e confusione
tra scarabocchi e disegnini.


Samurai

Sarò il tuo Samurai
elegantemente efferato, spietato,
etica di spada ed estremo sacrificio.
Danzerò leggiadro, tra lingue di fuoco
Indossando armonie di sete rosse
e sfumature di tramonti.
Soffierò vento tra i tuoi capelli.


Parole

Son gatti pigri e indolenti
sono solo parole scritte di notte.


Viento

Vento su distanze e frontiere
Ogni giorno morto ammazzato
su frontiere e distanze.
Vento spazzami, spezzami
in milioni di granelli di polvere
su pugni chiusi e bandiere.
Viento de Rivoluzion


Regina TV

Gl´occhi sbarrati, le gambe scomposte,
le braccia morbide e lunghe come lacci di scarpe.
Vestiti d´un giorno che non sai sia l´ultimo,
torace aperto,
squarciato.
Hanno sparato una granata,
hanno sparato da lontano.
Quegl´occhi sbarrati dalla TV ci guardano
le mani aperte in un attimo quanto dolore,
ci prendono il collo,
ci strozzano e vomito...


Per contattare direttamente l'autore:

Homepage