Garbriella Garofalo c'invita a leggere le sue poesie:

ANIMA

Anima,da rigetto di luna infuocata,
da eterna guerra grembo nel tuo grembo
fermati,se davvero desideri trovarlo,
l dove ingenerata corre senza fine
acqua che leva placare la tua sete
n gratitudine le importa n si cura
se in te leva in eterno al desiderio
stolta tua luna per giacersi al cielo.

Dell'oscuro morbo che t'inserra,
anima,tu vivi e ripensi
quando di snelle caviglie e blu-cobalto
avida ti gettavi bevendo
da immenso mare d'erba che coglievi -
ma un dio sorse dagli Inferi
di nero materiato
di nero e invidia per quel blu-cobalto
tua erba depredando e quel tuo grembo:
cibo il suo stupro eterno ti possiede -
ma quel vento,anima,ricorda
quel vento amante di chiome tue caviglie
quell'acqua che rinnega la tua sete
quel vento e la parola per l'eterno
ad altri dei si levano gettandoti:
accanto a te perch alla tua esistenza
a lei persino renda quel tuo nome -
di sconosciuto e pi lontano seme.


Di quanta luce hai fame e sete,grembo,
per dar parola ad anima
che insieme a te disperde -
ma non posso aiutarti,prigioniera
di carceri di cielo,di ossessione
se in azzardo non leva desiderio
e solo arranca
schivato da mia luna
che anoressica rigetta per l'eterno
offerta di tuo pane,esistenza,
se per l'eterno insisti
e non la cedi.


E non dimenticare,
enorme minotauro che mi esigi:
c' erba nel mio grembo
anima nel cielo
e poco importa se il corpo che io cerco
di altro sazia mio cibo dispregiando -
un dio lieve di vento e la parola
infine leveranno a quel mio cielo
nel verde pi intenso saziando
sete dei loro sguardi
nel mio grembo.


Per contattare direttamente l'autrice: gabriella.garofalo@email.it

Homepage