Alessandro Jagher, è un poeta e c'invita a leggere il suo articolo:

Guazzabuglio

Si può dire che tutto cominci con le Democrazie imposte al Mondo dai paesi dove erano sorte spontaneamente per carattere anglosassone.
Facendo un salto indietro, si può dire che l’Italia dei Comuni fosse uno stile politico espresso da un paese non costituito unitariamente come poteva essere il colosso francese. Ma purtroppo le gelosie ed i litigi cominciarono…e fu battaglia! Io chiamo questo io chiamo quello e fu invasione di tutti i tipi, perfetto paradigma del mondo d’oggi.
In realtà ogni paese,Stato, dovrebbe costituirsi sistemi politici adatti alle proprie esigenze, che non sono solo quelle democratiche e asfittiche: come un vestito, ognuno se lo adatta (dico adatta altrimenti sarebbe utopia): non esiste e non esisterà mai un sistema continuo e ideale ma anche se esistesse ci sarebbe sempre qualche rompiscatole a disturbare in armi (oggi ormai si chiama anche Economia e Capitalismo, attuali forme dell’Imperialismo globalizzato).
Ieri i Comuni oggi l’economia delle Armi. Di pari passo soldi e guerre, in più, generate dall’avidità economica più che da interessi umanitari.
Prendiamo ad esempio l’Africa: noi andiamo lì a sfruttarli e loro vengono da noi perché ci conoscono opulenti: noi , non loro quando sono qui. Lo sfruttamento è anche da discutere perché anche la loro economia “privata” è fatta , purtroppo e sempre, di abbrutimento. Ma aiutiamoli allora a civilizzarsi realmente, a creargli strutture politico ed economiche che tornerebbero anche a nostro vantaggio: soprattutto un criterio della natalità. Non facciamo gli ipocriti andando a fargli la punturina, se dovessimo salvarli tutti e sistematicamente sarebbe un popolo che morirebbe da adulto o non saprebbe come cavarsela se non emigrando. Le stragi non esistono esiste un criterio di civiltà e natalità. L’India ha una civiltà che è espressione di una Religione quindi non piangiamoci sopra in modo ipocrita e superficiale.
Il papa, con il suo attuale pontificato martirizzato e agonizzante, credeva di avere risolto tutto nel Mondo: dalle guerre dei Balcani mai tante stragi terrorismo invasioni in armi e vittime civili cioè bambini, quelli si martirizzati che non sanno più né ridere né piangere.
Tramontate le ideologie,con le democrazie sfasciate, nessuno sa più darsi una guida politica ed economica, quello che trionfa è un Capitalismo globalizzante e selvaggio a favore di pochi. Non c’è mai stata tanta disparità economica nel mondo come all’interno di un singolo paese stesso.
Ormai anche il mito dell’operaio è tramontato nel benessere: operai e muratori che si esprimono a ca...bip-in-c....bip: realtà purtroppo evidente di un loro degrado morale e sessuale.
Come finiremo? Il cielo ci aiuti!


Per contattare direttamente l'autore:

Homepage