Libri di narrativa Poesie Saggistica Antologie FilosofiaCura



LA CONDIZIONE DEGLI EBREI DAI CESARI AI SAVOIA di Carlo Alberto Calcagno
ISBN: 978-88-6932-114-6 - Prezzo: 15,00 €.

La condizione degli Ebrei nei millenni ha messo duramente in crisi il concetto stesso di diritto naturale, quelle guarentigie minime che gli antichi ritenevano presenti presso tutte le genti, e ciò perché ci furono forse ben pochi popoli che nella storia ne subirono così fortemente il disconoscimento.
“I paria delle Indie, gli schiavi dell’Oriente e di Roma, gli Iloti di Sparta (che erano privi dei diritti civili e politici e potevano essere uccisi impunemente) sono i tipi soli che possiamo qui mentovare onde farci un’idea del modo in cui vivevano gli Ebrei fra le nazioni cristiane; formando casta a parte da chi potevano aspettare protezione e giustizia? dalle loro universalità? Dalle nazioni che li ricettavano nel loro territorio e li ritenevano in condizione affatto precaria? Con ragione disse il Forti che il mancar di fede degli Ebrei non parve ai principi cosa riprovevole, il mancare ai medesimi di umanità non parve ai popoli contrario alla legge di Dio”.
Lo stesso Mosè del resto aveva anticipato agli Israeliti un particolare destino: “Il Signore vi disperderà fra i popoli e non resterete che un piccolo numero fra le nazioni dove il Signore vi condurrà”.
Il Corano nella VII sura (Al-A‘râf) rievoca con queste parole un triste percorso:
“167. E il tuo Signore annunciò che avrebbe inviato contro di loro qualcuno che li avrebbe duramente castigati fino al Giorno della Resurrezione! In verità il tuo Signore è sollecito nel castigo, ma è anche perdonatore, misericordioso”
“168. Li dividemmo sulla terra in comunità diverse. Tra loro ci sono genti del bene e altre [che non lo sono]. Li mettemmo alla prova con prosperità ed avversità, affinché ritornassero [sulla retta via]”.
Nel breve saggio che seguirà ove cercheremo di descrivere somma-riamente le loro traversie, useremo diversi vocaboli per indicare gli appartenenti al popolo di Abramo.
Avvertiamo però che a rigore i vocaboli non sono del tutto fungibili.
Secondo una prima interpretazione, infatti, il termine Eber o Heber venne dato dai Cananei ad Abramo perché giungeva dalla Caldea che si trova al di là del fiume Eufrate.
Secondo gli Orientali invece la parola Ebreo deriverebbe da Heber figlio di Sale e trisavolo di Abramo.
Il lemma Israeliti indica i discendenti di Israel ovvero Giacobbe, nato da Isacco figlio di Abramo.
La parola Israel significa in ebraico “che prevale o che domina con Dio”; un angelo soprannominò così Giacobbe dopo che ebbe compiuto una lotta durante una visione a Macanàim ribattezzata da lui Penuél.
Gli Ebrei amano in particolare chiamarsi israeliti perché è un termine che si ritrova nelle Sacre scritture.
Il termine Israele talvolta indica tutto il popolo, talaltra la sola discendenza di Giacobbe e ancora il regno di Israele e delle dieci tribù distinte dal regno di Giuda (che ricomprendeva appunto la tribù di Giuda e di Beniamino).
Con il vocabolo Giudei si fa riferimento poi a coloro che fecero ritorno a Gerusalemme dalla cattività babilonese: dal momento che non esisteva più il regno di Israele, gli Ebrei assunsero il nome dell’unico regno ancora in piedi che era appunto quello di Giuda.


L'INTRIGO DELL'UOMO di Fulvio Castellani
ISBN: 978-88-6932-090-3, Prezzo: 12,00 €.

L’intrigo dell’uomo era il titolo di una mia vecchia rubrica culturale e, a distanza di molti anni, mi è parso ancora attuale e calzante, “intrigante” al punto giusto per riproporlo in questa occasione. Quando, cioè, ho ripreso tra le mani riviste e giornali ormai datati, fogli sparsi, annotazioni anche sbiadite: il tutto accatastato un po’ alla rinfusa, com’è mia abitudine, in quello che è diventato il mio habitat quotidiano, ossia la culla del mio io, dei miei ricordi, delle mia rivisitazioni.
Mi riferisco, ovviamente, all’ampia soffitta della mia secolare abitazione dove hanno trovato rifugio, e accumulato polvere, i miei scritti e un ricco bagaglio di storiche fotografie e cartoline. I testi che qui vengono riproposti sono in parte inediti, altri sono stati ospitati a più riprese in riviste e giornali, altri ancora sono da me stati rivisti e modificati allo scopo di incasellarli meglio nel contesto di quell’“intrigo” che costituisce la trama, se così si può dire, di questa pubblicazione.


Homepage