Libri di narrativa Poesie Saggistica Antologie FilosofiaCura



IMPARARE AD IMPARARE di Fabiana Scapola
ISBN: 978-88-6932-207-5 - Prezzo: 20,00 €

Il presente è un testo di didattica trasversale a tutte le discipline, utile per ogni ordine e grado di scuola. Fornisce un metodo efficace per la stesura di riassunti e temi; per la compilazione e realizzazione di tabelle, mappe concettuali e diagrammi processuali; per impostate ricerche. Non tralascia il cooperative learning e il brainstorming.
Nelle prime classi imparano a costruire in modo vario ed elastico il periodo articolando più proposizioni; per i più grandi diventa un esercizio dialogico/dialettico in cui si pone l’accento sui campi semantici fino a divenire, per i più adulti, la flow chart del processo linguistico dei vari idiomi (tanto occidentali quanto orientali) utilizzabile come metodo di analisi del pensiero espressivo di quel popolo e di quella cultura nonché strumento di correlazione e traduzione. Per tutti aumenta la capacità grafica (disegnare e colorare), la creatività, la comunicazione per immagini e può essere applicato come metodo di analisi singolo e di gruppo.


ANTROPOLOGIA SENTIMENTALE di Franco Viviani
ISBN E-book: 978-88-6932-174-0 - Prezzo: 9,99 €.
ISBN E-book in inglese: 978-88-6932-183-2 - Prezzo: 9,99 €.

 

Dall’introduzione: Perdere il passato significa perdere il futuro*. Per Oscar Wilde, “l’unico fascino del passato è… che è passato”. Un antico proverbio africano affermava però che esso rivive ogni giorno, perché non è mai passato. Notevole è la boutade di Flaiano: “Io faccio progetti solo per il passato”. La dice lunga sul tempo andato che, impercettibilmente revisionato, ci regaliamo ogni volta che focalizziamo un ricordo, contrapposto al futuro imbambolato immaginato dal nostro cervello. Si tratta di citazioni, abbellimenti retorici tanto apprezzati da scrittori come Victor Hugo: “I tempi primitivi sono lirici, i tempi antichi sono epici, i tempi moderni sono drammatici”. La grotta di Sumpang bita, che si situa in un carso sperduto dell’isola di Sulawesi, quella specie di orchidea scarruffata che si trova nell’arcipelago indonesiano, potrebbe assurgere a dimostrazione ineccepibile dell’aforisma dello scrittore francese. Alcuni decenni fa, una volta scoperto che al suo interno vi erano pittogrammi variamente dislocati, non si sapeva quanto vecchi e fatti da chi, ma dotati di una loro forza lirica, narrazione poetica di tempi eroici e leggendari, i locali hanno pensato bene di attrezzare il sentiero che portava alla grotta e di farne un sito visitabile...


[*] Wang Shu, vivente, è stato il primo architetto cinese a vincere il premio Pritzker, il Nobel per l’architettura.

LA VIA DEL TERAPEUTA - 365 passi di Beatrice Moricoli e Federico Bozzi
ISBN: 978-88-6932-143-6 - Prezzo: 16,99 €. - Ebook

Questo volume fatto di pensieri e fotografie  destinato a Tutti e non solo a coloro che hanno intrapreso l'incredibile Via del Terapeuta. Siamo tutti Terapeuti di noi stessi e di coloro che incontriamo e viviamo in ogni istante della nostra giornata con una parola, un gesto, un abbraccio, la presenza... Mi sono presa la libertˆ di raccontare di Me all'interno di questo libro, non la mia storia personale, ma ci˜ che ho capito percorrendo questa magnifica strada della Via della Terapia. Sono 365 piccoli spunti che nascono dal vissuto giornaliero di tanti anni passati in questo settore, nulla di giˆ scritto o forse no, semplicemente la mia Esperienza. Qualcuno li troverˆ scontati, qualcun altro ci troverˆ spunti giornalieri per portarsi oltre le piccole difficoltˆ. Un grazie infinite per aver scelto di leggermi ed un augurio speciale di una splendida Terapia, sempre e per tutti!
Disponibile su IBS e sulle altre librerie on-line







Historiae - Humanae Historiae di Mauro Montacchiesi
420 pagine - 23,00 €.

Nota introduttiva dell'autore
La presente raccolta "Humanae Historiae"  composta dal compendio di tre diverse opere: "Opus de Hominibus, Fragmenta de mulieribus, Satura lanx", antologie di racconti brevi e saggi brevi, con inserti poetici. I saggi sono portati di ricerche documentali riadattati giusta una visione personale dell'autore. Il motivo conduttore di tutte le singole opere , infatti, un atteggiamento iconoclasta ed eterodosso nei confronti della vita in generale e dei personaggi storici in particolare. La storiografia tradizionale viene messa in discussione, tendando di rivalutare personaggi comunemente messi all'indice da altri personaggi storici che, a loro volta e in virt di attente, approfondite ed oggettive analisi, potrebbero e dovrebbero essere messi in discussione.

LA CONDIZIONE DEGLI EBREI DAI CESARI AI SAVOIA di Carlo Alberto Calcagno
ISBN: 978-88-6932-114-6 - Prezzo: 15,00 €.

La condizione degli Ebrei nei millenni ha messo duramente in crisi il concetto stesso di diritto naturale, quelle guarentigie minime che gli antichi ritenevano presenti presso tutte le genti, e ciò perché ci furono forse ben pochi popoli che nella storia ne subirono così fortemente il disconoscimento.
“I paria delle Indie, gli schiavi dell’Oriente e di Roma, gli Iloti di Sparta (che erano privi dei diritti civili e politici e potevano essere uccisi impunemente) sono i tipi soli che possiamo qui mentovare onde farci un’idea del modo in cui vivevano gli Ebrei fra le nazioni cristiane; formando casta a parte da chi potevano aspettare protezione e giustizia? dalle loro universalità? Dalle nazioni che li ricettavano nel loro territorio e li ritenevano in condizione affatto precaria? Con ragione disse il Forti che il mancar di fede degli Ebrei non parve ai principi cosa riprovevole, il mancare ai medesimi di umanità non parve ai popoli contrario alla legge di Dio”.
Lo stesso Mosè del resto aveva anticipato agli Israeliti un particolare destino: “Il Signore vi disperderà fra i popoli e non resterete che un piccolo numero fra le nazioni dove il Signore vi condurrà”.
Il Corano nella VII sura (Al-A‘râf) rievoca con queste parole un triste percorso:
“167. E il tuo Signore annunciò che avrebbe inviato contro di loro qualcuno che li avrebbe duramente castigati fino al Giorno della Resurrezione! In verità il tuo Signore è sollecito nel castigo, ma è anche perdonatore, misericordioso”
“168. Li dividemmo sulla terra in comunità diverse. Tra loro ci sono genti del bene e altre [che non lo sono]. Li mettemmo alla prova con prosperità ed avversità, affinché ritornassero [sulla retta via]”.
Nel breve saggio che seguirà ove cercheremo di descrivere somma-riamente le loro traversie, useremo diversi vocaboli per indicare gli appartenenti al popolo di Abramo.
Avvertiamo però che a rigore i vocaboli non sono del tutto fungibili.
Secondo una prima interpretazione, infatti, il termine Eber o Heber venne dato dai Cananei ad Abramo perché giungeva dalla Caldea che si trova al di là del fiume Eufrate.
Secondo gli Orientali invece la parola Ebreo deriverebbe da Heber figlio di Sale e trisavolo di Abramo.
Il lemma Israeliti indica i discendenti di Israel ovvero Giacobbe, nato da Isacco figlio di Abramo.
La parola Israel significa in ebraico “che prevale o che domina con Dio”; un angelo soprannominò così Giacobbe dopo che ebbe compiuto una lotta durante una visione a Macanàim ribattezzata da lui Penuél.
Gli Ebrei amano in particolare chiamarsi israeliti perché è un termine che si ritrova nelle Sacre scritture.
Il termine Israele talvolta indica tutto il popolo, talaltra la sola discendenza di Giacobbe e ancora il regno di Israele e delle dieci tribù distinte dal regno di Giuda (che ricomprendeva appunto la tribù di Giuda e di Beniamino).
Con il vocabolo Giudei si fa riferimento poi a coloro che fecero ritorno a Gerusalemme dalla cattività babilonese: dal momento che non esisteva più il regno di Israele, gli Ebrei assunsero il nome dell’unico regno ancora in piedi che era appunto quello di Giuda.


L'INTRIGO DELL'UOMO di Fulvio Castellani
ISBN: 978-88-6932-090-3, Prezzo: 12,00 €.

L’intrigo dell’uomo era il titolo di una mia vecchia rubrica culturale e, a distanza di molti anni, mi è parso ancora attuale e calzante, “intrigante” al punto giusto per riproporlo in questa occasione. Quando, cioè, ho ripreso tra le mani riviste e giornali ormai datati, fogli sparsi, annotazioni anche sbiadite: il tutto accatastato un po’ alla rinfusa, com’è mia abitudine, in quello che è diventato il mio habitat quotidiano, ossia la culla del mio io, dei miei ricordi, delle mia rivisitazioni.
Mi riferisco, ovviamente, all’ampia soffitta della mia secolare abitazione dove hanno trovato rifugio, e accumulato polvere, i miei scritti e un ricco bagaglio di storiche fotografie e cartoline. I testi che qui vengono riproposti sono in parte inediti, altri sono stati ospitati a più riprese in riviste e giornali, altri ancora sono da me stati rivisti e modificati allo scopo di incasellarli meglio nel contesto di quell’“intrigo” che costituisce la trama, se così si può dire, di questa pubblicazione.


Homepage