MISTRETTA ROSA MARIA, nata a Torino, giornalista e divulgatrice scientifica. Laureata in Scienze Naturali presso l'Università di Torino, ha intrapreso la carriera letteraria nella consapevolezza che scrivere è un esercizio per scrutare se stessi, per riflettere sui propri sentimenti e pensieri. Scoprire il desiderio di spiritualità, mettere in moto la sensibilità e la percezione, elaborare dati legati alle emozioni sono gli elementi ricorrenti che la inducono a comporre. Ha pubblicato la raccolta di racconti Attimi, Ed. Miano (Milano, 1999), le raccolte di poesie Sogni, Club Letterario Italiano (Latina, 2002) e Avevo dimenticato la musica del vento, Bastogi Editore (Foggia, 2005).
Per la didattica dell'Astronomia ha pubblicato Il Sole e la sua Famiglia con Armando Ed. (Roma, 2003).
Ha, inoltre, reso note parecchie sue opere in antologie e ha collaborato con riviste letterarie nazionali. Ha approfondito in particolar modo le opere di N. Ginsburg ed H. Hesse.

Ci presenta due poesie:

NUVOLA D'ARGENTO

Donna vestita di luce dell'aurora,
Vivo tra i fiori di pesco del tuo giardino.
Danzavi sui petali dei fiori di campo
Freschi di rugiada,
Gioiosa nel chiarore del mattino.
Donna vestita di tramonti,
Lascia ora che la neve ricopra
I tuoi terreni passati,
Lascia che le campane in festa
Suonino soltanto per noi,
Accompagnati dalla tua Eternità.
Donna assorta in mezzo ai campi
Curva come una falce,
Dolce cosa fu il tuo primo ed unico uomo.
Fedele amante in lieta estasi,
Intorno al tavolo
Riunivi i giorni dell'amore ed i giorni del dolore.
Per fervore ai tuoi figli, per fedeltà al tuo compagno.
Ora c'è un velo d'argento su quegli occhi
Che non vollero mai fingere,
Su quei capelli che non vollero andarsene,
Sulla bocca che or tace,
Su quel volto sorridente al cielo minaccioso ed oscuro,
Circondato da un silenzio d'Eternità.
Ed è un gran dolore la consapevolezza
D'essere priva di quel tuo prezioso affetto,
Testimone del tempo passato e del nulla,
Ormai solo immutabile essenza,
Appesa ai flussi dell'Eterno.



T'ASPETTERÒ

Io ti aspetterò.
Nei momenti oscuri ti cercherò,
nei momenti felici ti penserò,
tra le coperte ti sognerò.
La mia casa preparerò per te,
avrò cura del mio corpo per te,
i miei pensieri solo per te.
Nelle mie notti stellate
tu sarai tutte le stelle,
nei rossi tramonti di fuoco
ci sarà tutto il mio amore per te.
Ti aspetterò
per dividere insieme i frutti della vita,
per accarezzare l'erba di rugiada.
Ti aspetterò
per baciare le tue labbra ogni notte,
per vederti sveglio di mattino accanto a me,
per accarezzarti con i fiori della felicità.
Quando il cielo scoppierà a piangere
Saranno le mie lacrime per la tua lontananza,
Quando apparirà l'azzurro
sarà il mio cuore che esulta di gioia per te.
Cospargerò il mio cammino di fiori
affinchè tu possa trovarmi in un sentiero profumato.
Ti aspetterò,
perchè sei il compagno della mia vita.




Per contattare direttamente l'autrice: rosamis@fastwebnet.it
Homepage