Andrea Costantin è laureato in giurisprudenza. Giornalista pubblicista, ha ideato e condotto, in passato, una trasmissione radiofonica che trattava i temi della musica, del cinema e dell’attualità. Dal 2010 a oggi ha pubblicato dieci libri: l’autore affronta vari generi con disinvoltura, spaziando dal genere drammatico al noir, fino alla fantascienza e all’horror, senza dimenticare le toccanti poesie.
Uno dei suoi libri, Il guerriero del vento, ha ricevuto il Premio Nazionale Giovani Autori nel 2015, indetto dalla Fondazione Pescarabruzzo.
Si occupa personalmente della realizzazione delle sue copertine e di tutte le immagini interne, disegnandole a mano.
Il suo amore per la musica lo ha portato ad introdurre uno spazio “rock” all’interno delle presentazioni pubbliche dei suoi libri, improvvisando con la voce ed il saxofono. Le sue liriche più toccanti, le sue improvvisazioni musicali e i personaggi eroici dei suoi romanzi possono essere visualizzati sulla pagina Facebook che sta già riscuotendo un ottimo successo di pubblico (più di seimila fans in circa cinque mesi dalla sua pubblicazione).
E' il vincitore del premio Paul Celan, assegnato al miglior poeta emergente del 2016.

IL GIARDINO E IL FANCIULLO

Lei ascolta il pianto del fanciullo
Cerca la sua porta
Apre il suo cuore
A quel dolore muto
Beve dal suo calice bianco prima di andare via
Lasciando dietro di sé i fiori di quel meraviglioso giardino
Ma ora è tempo di andare
Il pianto si fa più forte nell’oscurità
Rende arida la notte
E allora qualcuno deve prendere la sua mano
Qualcuno deve illuminare il suo cammino

Il fanciullo chiude gli occhi
Per sentire il suo cuore
Apre la porta della sua casa
Il suo è un giardino vuoto, senza colori
Attende senza sognare
Perché presto la vedrà sulla strada
Accompagnata dal vento che soffia sulla sua anima
E berrà dal suo calice,
toccherà le sue mani
Per dimenticare tutto il suo dolore


DOMANI

Ieri
Avevo rinunciato a me stesso
Osservavo il cielo
Solo pioggia ardente
Che solca le strade della desolazione

Dove sarò domani,non è importante
Tra felicità o tristezza
Comunque,non rimarrò a sprofondare nel silenzio
Solo un po’ di tempo per scegliere

Su una nuova via
Aspettando il rischiararsi del cielo
Disteso tra il profumo dell’erba e i fiori di campo
Aprirò gli occhi solo alla nuova luce

Qualcuno
Aveva rubato il colore dalla mia vita
Infranto le più piccole ambizioni
Ma ora so cosa sto facendo
Non importa se sarò tra tristezza o dolore
Continuerò il mio cammino,andrò avanti ancora
Anche se fosse il mio ultimo inganno


Per contattare direttamente l'autore

Homepage