Marzia Carocci è poetessa-scrittrice,operatrice culturale e membro –presidente di giuria.
Oltre ad essere presente in innumerevoli antologie poetiche,ha pubblicato i seguenti libri:
Introspezioni _ casa ed. Montedit
Nel mio volo _ casa ed. LIbroitaliano world
Parole dell'anima_ casa ed. Carta e penna
In uscita il suo quarto libro di poesia e racconti dal titolo”Di poesia ho vissuto” casa ed Carta e penna Torino
Vincitrice di molti premi fra i quali:
1° premio Maggio Uniacense Firenze
1° premio Magnolia Cinecittà
1° premio Loretta Chiesi Firenze
1° premio Alfonso Gatto Napoli
1° premio Città di Bellizzi (Salerno) per i diritti civili-umani.
1° premio Bellizzi 2009 (Salerno)
1° premio Magnolia 2008 Ostia Antica
1° premio Il grillo parlante Firenze
Premio il Fauno- Firenze
numerosi secondi e terzi premi
molte segnalazioni , encomi solenni e menzioni d'onore
Presente in decine di antologie poetiche.
Alcune sue poesie sono state tradotte in altre lingue.
Premio alla Carriera con l'alta adesione della Presidenza della Repubblica a Pomigliano d'Arco(NA)
Premio della giuria Concorso Pagani-Masi Bagno a Ripoli (FI)
Premio della giuria Alfonso Gatto 2007 (Napoli)
La poesia “pace” è stata scelta e inserita nel libro-quaderno del circolo Roselli curato dall'on. Valdo Spini.
È stata collaboratrice del periodico l'Attualità diretto dal Sen. re Sallustio Salvemini.
Collaboratrice della rivista d'arte e cultura “Miscellanea”
Cura presentazioni di libri e mostre d'arte.
Elemento della commissione cultura del centro socio-culturale il “Fuligno” per il comune di Firenze. Membro di giuria anche in alcuni concorsi fuori sede.
Recensionista e critico letterario per la rivista di cultura e poesia il “Salotto degli autori”, trimestrale edito da Carta e Penna
Socia dell'Accademia Vittorio Alfieri e del centro d'arte Modigliani.
Diverse testate giornalistiche hanno scritto di lei.
Come operatrice culturale,cura prefazioni e presentazioni di altri autori.


IN RICORDO DI MIO PADRE (un anno dopo..)

Sfido con gli occhi il sole
in questo giorno perduto che lambisce il dolore,
nel pertugio dell'anima mia
sfoglio stille di memorie,
eri qui un anno fa;
ora…sei parte del vento
che pietoso asciuga il mio pianto,
sei nell'aria d'aprile
tra le primule in fiore,
sei nei giorni a venire,
nel mio canto,nei sogni
e ti destri nel cielo
a seguire i miei passi,
sei nel volo impetuoso
d'un falco superbo,
nelle spiagge assolate,
sulle spume dell'onde
e paziente mi attendi
nella nicchia del tempo che dorme….


DOLORE

Pianti che slabbrano il silenzio,
che graffiano la carne,
orbite vuote,affossate
su volti scarniti
di bimbi già vecchi
di corpi secchi e nudi,
e mosche sulla pelle.
Brucia furtivo l'odio della guerra,
sanguinano lacrime di madri
nel silenzio che lento si dissolve
tra spari e preghiere.
L'alito della vita si consuma fetido
nello spettrale soffio di polvere
che copre
i corpi senz'anima riversi…


Per contattare direttamente l'autore Marzia Carocci

Homepage