MARIA GRAZIA BARBANO, nata a Casale Monferrato nel 1956, sono stata Insegnante di Lingua e Letteratura Inglese per tanti anni in un istituto secondario superiore, ho partecipato ad alcuni concorsi di poesia e sono stata premiata due volte per le mie composizioni. Scrivo poesie da quando avevo vent’anni e sono iscritta a un circolo culturale di Casale Monferrato, il circolo Ravasenga. Amo leggere e vivere a contatto con la natura, essendo una monferrina “doc”.
Penso che sarà la bellezza dell’arte in generale, in ogni sua espressione, a salvare il mondo.
Ho già scritto una prima raccolta di liriche intitolata Amo, quindi esisto. Con Carta e Penna ha pubblicato la raccolta poetica

ISBN: 978-88-97902-11-9
Prezzo: 10,00 euro

Per i navigatori di Carta e Penna ha scelto:

ECHI IMPERFETTI
(21 Ottobre 2011)

Orme di ricordi si sono impresse sulla sabbia dell’anima
solcata dalle rughe dell’esperienza
e sono la mia ricchezza per sempre,
sono la sabbia su cui cammino ogni mattina nel primo sole
sulle rive del tempo.
C’è uno scorcio d’estate che
- come un mago sapiente -
mi stringe a sè e non vuole lasciarmi andare.
I pensieri sono sfioriti
come le orde di papaveri che incendiavano il grano a giugno
e lanciavano un inno di felicità e d’amore al vento.
Ora che le nuvole scrutano l’orizzonte del cielo,
risento nel cuore la tua voce di mamma:
“Ciao!”
Sei tornata a salutarmi in quel corridoio d’ospedale
quand’eri già oltre la sottile tendina del tempo.
“Ciao!”
Mamma, il tuo destino oscuro e necessario
ti riportò tra noi altri tre giorni,
poi il cielo ti rapì per sempre.
Echi imperfetti sento adesso,
come imperfette sulla sabbia sono le orme di chi ho perduto.
Ti troverò seduta su una nuvola
ad aspettarmi sulla soglia del divenire
quando anch’io salperò dalle rive della vita a giugno
portando con me le orme dei ricordi
da calpestare leggera su altre rive.
Anche l’inverno ha una sua poesia.


FELICITÀ

Felicità è lo stupore di un attimo sospeso nel tempo,
ignari che non si ripeterà mai più.
E’ veder diradare la nebbia
incespicando nella brezza di un azzurro improvviso,
è scavarsi un rifugio di silenzio
tra le onde fragorose della città,
è aiutare qualcuno donando un po’ di sé
nell’aprirsi senza riserve.
Felicità è respirare l’ebbrezza del fiore dell’infanzia,
riflesso di emozioni da tempo sconosciute,
è correre di nuovo con la mente sui prati verdi
e scambiare uno sguardo con le nuvole.
È ascoltare in silenzio la poesia dei ricordi,
calpestare ancora le orme di chi hai perduto,
riprendere il volo dopo una caduta,
provare un fiotto amaro di nostalgia
sentendo il profumo di chi non c’è più
tra le pareti anguste della casa paterna.
Felicità è raccogliere fiori di nuvole,
leggere nel cielo un disegno bizzarro,
godersi le stelle in una gelida sera d’inverno,
vivere in attesa di qualcosa che sai tornerà.
Felicità è l’attesa della felicità,
è star bene anche con te, dolce solitudine,
che mi accendi il respiro
per farmi tuffare nelle acque dell’anima.
I pensieri si spengono in un arcobaleno improvviso
che gioca con le nuvole
e fa impallidire il tramonto.
Felicità è scoprire in un sogno la linfa della vita.


Per contattare direttamente l'autrice

Homepage