Michele Albanese è nato a Melfi (PZ) nel 1932.
Pensionato, ha scritto poesie fin dalla giovane età, senza disdegnare la prosa.
Ha pubblicato: Sillogi poetiche: Paranoidea, Coktail, Arcobaleno, II seme umano, Spigolature e di recente Alloro attossicato. Narrativa: Il Signore delle tenebre, Il pianeta Albatros, L'isola galleggiante, Hastrafar e il pianeta Vor, Non si vive di solo pane..., Le avventure del cane Fliz, Racconti oziosi, Racconti omeopatici, Racconti picareschi, Racconti alla ribalta, I misteri di Iside, Il volo del calabrone, Racconti d'epoca, Racconti dialettici, Teoria atomica ragionata, Arcolaio, Commedie (Vol. I e Vol. II), il dramma I precari, l'opera scenica Le disavventure del gatto Macao.
Per i navigatori di Carta e Penna ha scelto:

Alla Musa

Non cantarmi, Diva, del Pelide Achille
ma cosucce d’gni giorno
in un angol dell’italico suolo
all’inizio del ventunesimo secolo.
Tanti sono gli argomenti
altri obsoleti e superati.
Omicidi, imbrogli e rapine, sono assodate.
Il male trionfa!
Ci sono anche idee sbagliate
e la filosofia si tormenta:
quale sia il vero non si sa.
Errata è anche l’idea di libertà.


Tratta da Parnasia Sinfonia, Il Convivio

Antipatia

Già so d'esser antipatico:
l'ho notato fin da bambino
era il mio triste stato
nella colonia trascurato
perché non facevo il burattino.
Da giovane mi portava iella
e quel tozzo di pane accattato
era tanto amaro come il fiele.
Ora come roccia vivo forgiato
ho resistito a tutte le intemperie
fuggon dai miei versi e dalle prose
e leggo a me stesso le mie cose.
Non sanno che andranno nel crogiolo!
Dalla loro alterigia sto alla larga:
da questo immondo luridume
e per l'acume del mio fino naso
non sono essi nemmeno pavoni
ma escrementizi iattanze.


Tratta da Parnasia Sinfonia, Il Convivio


Pegaso

Di tanto in tanto incontro Pegaso
che mi eleva per l'etere
ma ritorno subito giù
per le propinate cattiverie.
Resto ancor con penna in mano
e per sfogarmi dell'accaduto
scrivo vituperi e refusi.
Il vero carme è bandito!
Anche fra gli ulivi
non trovo pace.
Al Vangelo ciò non piace
ma è più forte di me.
Non ditemi che è belzebù
se smarrisco ogni virtù.
Mister Hyde ha pieno possesso
in ogni uomo è connesso.


Tratta da Parnasia Sinfonia, Il Convivio


Homepage